HF: virate e strambate

un luogo dove fare due chiacchiere in amicizia
Avatar utente
00gabri00
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2663
Iscritto il: 18/05/2011, 12:21
Spot frequentati: .
Ali: Fly, Ozone, PL
Tavole: bidi, skimboard...
Località: Reggio Emilia / Berna (CH)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da 00gabri00 »

ITA-404 ha scritto:
30/06/2020, 16:47
:

mi sa che devo togliere almeno le scarpette...se non le straps (kiteman docet)


Mi sa che che devi mettere la mezza strap

Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2489
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

Non è questione di scarpette o di straps è questione di capire il timing, di partire con la gusta andatura/velocità, di dare la giusta poppata, di capire la tecnica di cambio piedi e di capire che bisogna appoggiarsi alla vela.
Sono tante cose da fare giuste e bisogna solo farne tante (con relative cadute), se dopo 2 facciate smetti non impari.

Andatura lasco-traverso
velocità medio bassa
togliere il piede dietro dalla strap e mettrlo a metà strada fra straps anteriori e posteriore
alzare kite allo zenith
dare due pompatine di gambe e sulla seconda salita partire per il cambio piedi appoggiando tutto il peso sulla mano dietro della barra che va cazzata in sincrono con la poppata.
il peso sulla mano dietro della barra è fondamentale ti ci devi proprio appoggiare deciso e rimanerci per tutto il tempo, così avrai le gambe relativamente scariche per fare tutto il cambio piedi.
Mentre vai ad infilare il piede dietro nella strap davanti devi sollevarti in punta del piede davanti (il tallone deve essere già sollevato non appoggiare tutta la pianta del piede), il piede dietro entra nella strap davanti e contemporaneamente sfili quello ex davanti e lo metti a metà strada fra strap davanti e strap dietro, tutto questo lo fai se hai il peso sulla barra.

Purtroppo i palettoni non aiutano perchè sostengono molto e danno la falsa illusione di sostenerti col peso sulle gambe ma se hai il peso sulle gambe fai fatica a muoverle, devi avere il peso sulla barra.

Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8432
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da maddy »

Visto da didattico ho la sensazione che avendo spazio si potrebbe simulare il cambio di direzione dell'ala camminando in spiaggia per automatizzare il timing con la trazione costante del kite
Mai provato qualcuno ?
Io sono ancora al foiling e ai bordi ma penso che proverò anche quella
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

https://media.giphy.com/media/26vULoV2u ... /giphy.gif
http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd

Avatar utente
ITA-404
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11155
Iscritto il: 10/02/2011, 18:37
Spot frequentati: Lario e Camargue
Ali: HQ e Gong
Tavole: Hydro / Naish / Groove

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da ITA-404 »

Impossibile ammazzi e t'ammazzi
Non serve a una mazza..
1000variabili non simulabiliper riuscire a farla in fold
Cambio di piede prima o dopo..? .
Il durante poppato la vedo quasi impossibile li si deve loppare...

Preferendo i front uscendo da surfate ho fatto qualche 'dopo'... Con sfoldata
Ma fatto prima si esce piu cattivi ed assetati i.....
Meglio prima tolto il dente tolto il dolore..
"...633 salvami"
Capitolo 29 ITA 14:30
Chat "Zappatori del Lario"

Avatar utente
Masaccio
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 3298
Iscritto il: 29/05/2013, 14:56
Spot frequentati: Lazio, Abruzzo
Ali: Peak4 5-11 - Swell 6-9 - Nova 10 - Sonic 18 - guest star: Aurora 8
Tavole: Arriba Arriba Wood, Alaia, Nirvana, Moses HP560

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Masaccio »

Visto che proprio l'altro ieri mi sono messo a provare un po' di cambio piedi e me ne sono entrati diversi, aggiungo un umile consiglio.

Mi riferisco al cambio piedi prima di strambare.
Partendo da posizione dei piedi normale, con il piede non preferito avanti.

All'inizio cercavo di fare un movimento unico, senza soluzione di continuità: cambio piedi - dloop - strambata. Ma cadevo sempre. Dopo aver fatto un cambio piedi accettabile, mi impennavo mentre il dloop ancora non era partito.
All'inizio ragionavo sull'anticipare l'avvio del loop, prima ancora del cambio piedi.
Poi la svolta in positivo è arrivata quando ho provato a fare solo il cambio piedi e finire in switch, e da lì buttare dentro la solita strambata.

Come sempre mi ritrovo esattamente negli scritti di silver. Per me la chiave è concentrarsi sui piedi, in particolare su dove mettere il nuovo piede posteriore dopo il cambio. Alcune volte finiva troppo avanti o un po' di lato, e in quei casi facile barcollare o cadere.

Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17170
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Pat »

silversurfer ha scritto:
30/06/2020, 21:31
Non è questione di scarpette o di straps è questione di capire il timing, di partire con la gusta andatura/velocità, di dare la giusta poppata, di capire la tecnica di cambio piedi e di capire che bisogna appoggiarsi alla vela.
Sono tante cose da fare giuste e bisogna solo farne tante (con relative cadute), se dopo 2 facciate smetti non impari.

Andatura lasco-traverso
velocità medio bassa
togliere il piede dietro dalla strap e mettrlo a metà strada fra straps anteriori e posteriore
alzare kite allo zenith
dare due pompatine di gambe e sulla seconda salita partire per il cambio piedi appoggiando tutto il peso sulla mano dietro della barra che va cazzata in sincrono con la poppata.
il peso sulla mano dietro della barra è fondamentale ti ci devi proprio appoggiare deciso e rimanerci per tutto il tempo, così avrai le gambe relativamente scariche per fare tutto il cambio piedi.
Mentre vai ad infilare il piede dietro nella strap davanti devi sollevarti in punta del piede davanti (il tallone deve essere già sollevato non appoggiare tutta la pianta del piede), il piede dietro entra nella strap davanti e contemporaneamente sfili quello ex davanti e lo metti a metà strada fra strap davanti e strap dietro, tutto questo lo fai se hai il peso sulla barra.

Purtroppo i palettoni non aiutano perchè sostengono molto e danno la falsa illusione di sostenerti col peso sulle gambe ma se hai il peso sulle gambe fai fatica a muoverle, devi avere il peso sulla barra.
grazie grazie, ora studio e proverò. Chiuderla è il mio obiettivo dell'estate.
L'essenza del kite è: "state gobbi"

Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8432
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da maddy »

Magari ho capito male ma anche dai video come dice silver c'è un cinquanta di appoggiarsi alla vela ovvero al sostegno della barra
Ma è da provare sulle chiappe
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

https://media.giphy.com/media/26vULoV2u ... /giphy.gif
http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd

Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17170
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Pat »

credo sia importante anche il fatto delle pompatine, in modo da fare il cambio piedi mentre il bestio sta salendo. Con ogni probabilità, poi, è più facile con uno stance stretto. Ok, capito, adottando una posizione a gambe molto larghe mi complico tantissimo la vita. Cambio tutto.
L'essenza del kite è: "state gobbi"

Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 1841
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Torvaianica, Marina S. Nicola, Sardegna
Ali: Kitech FREE RS 12-15 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5 M /
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Cartolina »

Grazie Silver per le preziose nozioni come sempre, in particolare facendo anche il mix con ciò che ha detto Masaccio, essendoci riuscito un paio di volte nel weekend scorso sottolineo questi due punti:
Mentre vai ad infilare il piede dietro nella strap davanti devi sollevarti in punta del piede davanti (il tallone deve essere già sollevato non appoggiare tutta la pianta del piede), il piede dietro entra nella strap davanti e contemporaneamente sfili quello ex davanti e lo metti a metà strada fra strap davanti e strap dietro, tutto questo lo fai se hai il peso sulla barra.
Ora che lo hai detto mi viene da pensare alla miriade di video che mi sono visto su internet ed in effetti, tutti si aggrappano alla barra e c'è il piede sempre sulla punta, devo provare
Purtroppo i palettoni non aiutano perchè sostengono molto e danno la falsa illusione di sostenerti col peso sulle gambe ma se hai il peso sulle gambe fai fatica a muoverle, devi avere il peso sulla barra.
Verissimo, mi sono reso conto che il vantaggio del palettone è al 90% il solo fatto di uscire prima, in alcune manovre aiuta, vero, ma il cambio piedi necessità di velocità ed equilibri simili a quelli di palette più performanti.
credo sia importante anche il fatto delle pompatine, in modo da fare il cambio piedi mentre il bestio sta salendo. Con ogni probabilità, poi, è più facile con uno stance stretto. Ok, capito, adottando una posizione a gambe molto larghe mi complico tantissimo la vita. Cambio tutto.
Lo stance puoi tenerlo più largo che in andatura ti aiuta a mantenere più velocità e controllo, quando poi stai per fare la manovra, la prepari avanzando il piede posteriore più avanti, a quel punto hai lo stance giusto per iniziare il cambio piedi. Non cambierei tutto, perchè se cambi di continuo, io facevo così agli inizi, ogni volta era un inizio, lo farei solo se la situazione è totalmente fuori controllo.
Anti pump rider!!!!
...dall'hydrofoil in poi, tutto il resto è nulla...

Avatar utente
ITA-404
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11155
Iscritto il: 10/02/2011, 18:37
Spot frequentati: Lario e Camargue
Ali: HQ e Gong
Tavole: Hydro / Naish / Groove

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da ITA-404 »

.. Già ci metto 300metri a trovare il giusto assetto/tiro dell ala x buttare dentro la carva looppa... Se mi metto a pompicchiare prima di inserire non mi basta un miglio : ahahah :
"...633 salvami"
Capitolo 29 ITA 14:30
Chat "Zappatori del Lario"

kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11716
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

silversurfer ha scritto:
30/06/2020, 21:31
Non è questione di scarpette o di straps è questione di capire il timing, di partire con la gusta andatura/velocità, di dare la giusta poppata, di capire la tecnica di cambio piedi e di capire che bisogna appoggiarsi alla vela.
Sono tante cose da fare giuste e bisogna solo farne tante (con relative cadute), se dopo 2 facciate smetti non impari.

Andatura lasco-traverso
velocità medio bassa
togliere il piede dietro dalla strap e mettrlo a metà strada fra straps anteriori e posteriore
alzare kite allo zenith
dare due pompatine di gambe e sulla seconda salita partire per il cambio piedi appoggiando tutto il peso sulla mano dietro della barra che va cazzata in sincrono con la poppata.
il peso sulla mano dietro della barra è fondamentale ti ci devi proprio appoggiare deciso e rimanerci per tutto il tempo, così avrai le gambe relativamente scariche per fare tutto il cambio piedi.
Mentre vai ad infilare il piede dietro nella strap davanti devi sollevarti in punta del piede davanti (il tallone deve essere già sollevato non appoggiare tutta la pianta del piede), il piede dietro entra nella strap davanti e contemporaneamente sfili quello ex davanti e lo metti a metà strada fra strap davanti e strap dietro, tutto questo lo fai se hai il peso sulla barra.

Purtroppo i palettoni non aiutano perchè sostengono molto e danno la falsa illusione di sostenerti col peso sulle gambe ma se hai il peso sulle gambe fai fatica a muoverle, devi avere il peso sulla barra.
Silver, rispetto e mi inchino, ma devo dire quanto (sicuramente ti ricordi) avevo pensato e poi fatto un'annetto fa quando ero al cambio di piedi e chiedevo info.
Io ho ridotto il tutto all'osso.
Il kite resta fermo e abbastanza scarico (non voglio sentire il tiro sul trapezio, diciamo che vado di inerzia), la barra resta immobile (non la muovi): faccio una sola pompata e cambio i piedi (aiutandosi con la rotazione del busto).
E' tutto più semplice perchè bisogna fare solo due cose: pompare (una sola) per alleggerire il corpo, ruotare il busto e fare i passetti per cambiare piede.
Se devo anche sincronizzare con la barra, il richiamo, l'appoggiarmi, etc.. aggiungo una variabile e diventa più complicato.
Con me ha funzionato così quindi mi sento di suggerire a chi deve ancora imparare di sperimentare anche questo metodo.
Poi ognuno troverà la sua strada.

Il palettone, sì, spinge tanto, quindi probabilmente la mia pompata unica è un po' più prounciata della tua, anche e proprio perchè non usando il kite per alleggerire il mio peso, devo mettere tutto nella unica poppata.

Mi riferisco al solo cambio di piedi in andatura, che si può fare prima della strambata (quindi prima di spostare il kite dall'altra parte) o a strambata avvenuta una volta ripreso l'assetto.
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it

Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2489
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

Cartolina ha scritto:
01/07/2020, 10:04


Lo stance puoi tenerlo più largo che in andatura ti aiuta a mantenere più velocità e controllo, quando poi stai per fare la manovra, la prepari avanzando il piede posteriore più avanti, a quel punto hai lo stance giusto per iniziare il cambio piedi. Non cambierei tutto, perchè se cambi di continuo, io facevo così agli inizi, ogni volta era un inizio, lo farei solo se la situazione è totalmente fuori controllo.
esatto stance largo in navigazione poi tiri fuori il piede dietro e passi a stance stretto solo per la strambata

Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2489
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

questa è quella da race (senza togliere prima il piede dietro dalla strap) ma molte cose possono essere utili, soprattutto la calma e la fluidità con cui fa il cambio piedi, la rotazione del bacino prima di inserire il nuovo piede di prua, diciamo che il punto di arrivo è farla così, in mezzo ci stanno 1000 facciate : Chessygrin : :


Avatar utente
ITA-404
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11155
Iscritto il: 10/02/2011, 18:37
Spot frequentati: Lario e Camargue
Ali: HQ e Gong
Tavole: Hydro / Naish / Groove

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da ITA-404 »

Questa questa.. solo questa!
Il resto sono aborti...
Quando contrasto leggermente ed alzo l ala x iniziare la stramba prima del d. L.... Va fatto il cambio!.. Altrimenti meglio surfare : Thumbup :
"...633 salvami"
Capitolo 29 ITA 14:30
Chat "Zappatori del Lario"

Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 1841
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Torvaianica, Marina S. Nicola, Sardegna
Ali: Kitech FREE RS 12-15 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5 M /
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Cartolina »

Stavo vedendo anche i video della Duotone che allego qui sotto, li trovo molto utili e mi convinco sempre più che il consiglio dato da Silver del tenere il piede in punta è una delle chiavi fondamentali.
Cattura.JPG
Cattura.JPG (38.38 KiB) Visto 134 volte


Anti pump rider!!!!
...dall'hydrofoil in poi, tutto il resto è nulla...

Avatar utente
Masaccio
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 3298
Iscritto il: 29/05/2013, 14:56
Spot frequentati: Lazio, Abruzzo
Ali: Peak4 5-11 - Swell 6-9 - Nova 10 - Sonic 18 - guest star: Aurora 8
Tavole: Arriba Arriba Wood, Alaia, Nirvana, Moses HP560

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Masaccio »

Ieri altra sessioncina di prove varie, col 18 sonic, invelato medio-basso (a tratti ci voleva un loop per partire).
Sui cambi piedi me ne sono entrati i primi due, poi più nulla. Mi sembravano più facili col Nova10, ma probabilmente è solo normale altalena di risultati in base al mood del giorno.

Poi, con in mente il decalogo di silver, mi sono di nuovo dedicato alle virate.
Risultati medio scarsi:
- da un lato me ne usciva qualcuna con un profondo touchdown, e quasi sempre dovevo mettere un downloop per ripartire, che avevo l'ala troppo avanti
- dall'altro lato quasi sempre cadevo sopravento, col nuovo piede anteriore strapped e il nuovo posteriore all'aria
- quasi sempre esco dalla "virata" mezzo fermo
- ho però metabolizzato la sensazione corretta di stare appesi col trapezio e ben fuori dalla tavola

Nell'approcciarmi alla manovra, temo però di stare TROPPO sporto fuori ed inclinato. A tratti mi sembra di essere al trapezio su un 470.
Forse sto troppo basso e quando vado ad orzare ammazzo la tavola e il movimento in generale ne risulta troppo contratto.

Oggi voglio provare ad arrivare alla manovra inclinato max 45°

Purtroppo qui non c'è anima viva. Non ho nemmeno qualcuno da guardare per copiare

kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11716
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Masaccius, anche io spesso mi trovo troppo sopravento.
Per quello nelle ultime cerco di restare più appoggiato alla tavola (per sentirla e controllarla) e cerco di non attaccarmi al kite.
E, forse, la lasci troppo inclinata dopo la straorzata e quindi mentre lei ripunta verso il lasco del nuovo bordo tu resti sopravento.
Una volta passata la prua al vento prova a dargli una spintina (o premere) sul lato che ora è sopravento per appiattirla.. così non gira sottovento e dovrebbe restarti più sotto al corpo.
Sono riuscito spiegarmi?
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it

Avatar utente
Masaccio
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 3298
Iscritto il: 29/05/2013, 14:56
Spot frequentati: Lazio, Abruzzo
Ali: Peak4 5-11 - Swell 6-9 - Nova 10 - Sonic 18 - guest star: Aurora 8
Tavole: Arriba Arriba Wood, Alaia, Nirvana, Moses HP560

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Masaccio »

kiteman ha scritto:
02/07/2020, 9:41
Masaccius, anche io spesso mi trovo troppo sopravento.
Per quello nelle ultime cerco di restare più appoggiato alla tavola (per sentirla e controllarla) e cerco di non attaccarmi al kite.
E, forse, la lasci troppo inclinata dopo la straorzata e quindi mentre lei ripunta verso il lasco del nuovo bordo tu resti sopravento.
Una volta passata la prua al vento prova a dargli una spintina (o premere) sul lato che ora è sopravento per appiattirla.. così non gira sottovento e dovrebbe restarti più sotto al corpo.
Sono riuscito spiegarmi?
Mi spiace ma la spintina è proibita dal decalogo di silversurfer, che io seguo come un fedele adepto : notworthyc : : ahahah :
Invece focalizzarmi un po' più sulla tavola è una cosa che voglio fare.
Del resto, anche per la strambata, ho cominciato a farne quando mi sono concentrato solo sulla conduzione della tavola, senza l'ansia di carvare, come se non avessi l'aquilone...

kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11716
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Eh però masaccius ti contraddici.. "come se non avessi l'aquilone.." vuol dire che l'acquilone non lo usi, quindi sei contrario al dictat Silveriano che consiglia l'utilizzo del kite per chiudere le manovre.
Ocio... : Chessygrin :

Cmq, si, secondo me la tavola devi sempre sentirla e guidarla.
Il saltino difatti è più da considerare come un morbido passo di danza sulla tavola atto a modificare la posizione dei piedi.

Quando "sento" la tavola riesco a chiudere meglio tutte le manovre.
E per far questo non mi posso appendere al kite, anzi lo devo neutralizzare (come scrivevo nel post poco sopra).
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it

Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2489
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

La virata è tecnicamente più difficile della strambata ma si impara prima perchè fa meno paura e gli inevitabili errori si pagano meno.
in genere se si perde il foiling a metà è perchè non si è andati abbastanza avanti col peso e perchè si cerca di "ribaltare la tavola inclinandola sopravento sulla nuove mura troppo velocemente con troppa forza.
Dovete esercitare una leggera pressione con il piede anteriore prima con il vecchio e poi col nuovo (leggera ma continua) che va raddrizzare la tavola non è necessario ribaltarla completamente per quando si finisce la manovra basta essere dritti. In pratica tutta la curva viene fatta col peso ad interno curva ma man mano che si percorre la curva ci si raddrizza.
Partire a 45 gradi di inclinazione o a 30 dipende dal vento, se sei ben invelato parti più inclinato se poco invelato parti più alto ma sempre e solo partire dopo che l'ala ha raggiunto lo zenith, uno degli errori più frequenti e partire a tirare con la mano dietro quando l'ala è ancora a ore 10 e si viene tirati indietro durante la manovra.
Tante cose da imparare ma la cosa fondamentale è alzare il gomito davanti e guardarci sotto : Thumbup :

PS, guardate le gambe di Daniela qui nella foto del video, quanto peso vi sembra ci sia sulle gambe e quanto appeso all'ala? ( e attenzione appeso col trapezio non con le braccia, quindi sulle front non sulle back)


Avatar utente
Masaccio
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 3298
Iscritto il: 29/05/2013, 14:56
Spot frequentati: Lazio, Abruzzo
Ali: Peak4 5-11 - Swell 6-9 - Nova 10 - Sonic 18 - guest star: Aurora 8
Tavole: Arriba Arriba Wood, Alaia, Nirvana, Moses HP560

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Masaccio »

Ok, sono carico.
Stasera se c'è un po' di ponentino, parrucca bionda e via!

Rispondi