Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

un luogo dove fare due chiacchiere in amicizia
Avatar utente
terrasimone
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 186
Iscritto il: 09/06/2015, 15:49
Spot frequentati: lago di santa croce, grado, caorle, la caletta, mari ermi, porto pollo, fehmarn, lubmin, süßersee
Ali: Rrd emotion, liquid force solo, ozone reo, pansh Genesis
Tavole: hydro carbon, rrd placebo, slingshot coupe, LF happy foil, gong allvator M su kiteloose 105

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da terrasimone »

kiteman ha scritto: 28/07/2020, 9:02 Yes masaccius, io filosofeggio sui momenti e tu semplifichi.
E concordo, chiaramente.
Ma lo stare in piedi su una gamba non è poi così faticoso (a terra).
E' l'eccessiva tensione (secondo me) il problema.
Io a volte sento questa tensione inutile, ma non capisco perchè la genero.
E ho la sensazione che non sia il semplice sbilanciamento del peso su una delle due gambe. : think :

Secondo me l'eccessiva tensione non è il problema ma la conseguenza di una posizione innaturale per distribuire il peso 50/50 sulla tavola.
Il fatto che si debba spingere con la posteriore può significare solo che l'anteriore ha troppo peso, a causa della leva troppo lunga data dalla distanza tra attacco piantone e posizione piede anteriore.
Quindi si spinge, anziché trasferirci il peso, e si esegue uno sforzo inutile che da luogo alla tensione.

In tutti gli hf che ho avuto e provato, il baricentro sta perpendicolarmente sopra l'ala anteriore.
Ne consegue che il piede posteriore sta più o meno sopra l'attacco del piantone e l'anteriore alla distanza dello stance.
In caso di strap poi, il peso va trasferito con il movimento del bacino avanti o indietro.

Fermo restando quanto sopra, eventuali altre tensioni sono da attribuire ad un errato lavoro muscolare per mantenere la posizione.
Posso definirmi kiter esperto perchè ho commesso tutti gli errori possibili!
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

Ma che problema c'è : Eeek : hai la strap dietro usala : Thumbup : così vedi se spostando il piede più indietro risolvi, se poi non risolvi prova come dice Kiteman a mettere il piede posteriore ancora più avanti, in una delle due direzioni dovresti risolvere, con due bordi capisci.
Avatar utente
Konan
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 231
Iscritto il: 01/04/2019, 18:46
Spot frequentati: Colico/Valmadrera/Mandello/Dervio
Ali: Cabrinha Fx 12/9/7 fly soul10
Tavole: moses vorace+groove skate / North gonzales / LF element

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Konan »

Gino82 ha scritto: 27/07/2020, 15:52 Ciao a tutti!

Avendo ormai iniziato, mi sono sorti mille dubbi...che strano... : ahahah :

MATERIALE:
RLBoards ORCA dell'amico Baggio (= Moses ONDA, dicono... : Lol : ) (il Gong mi arriverà : dribbleg : )
Tavola senza volume 150x48 cm
Piantone montato in poppa, straps anteriori a Y tutto avanti, strap posteriore tutta dietro (ma non la uso).
Conduzione con piede dietro appena davanti alla strap (in pratica il piede posteriore "cade" circa a metà della fusoliera)
Con questo setting sento di avere un ottimo controllo del mezzo...ma magari sto sbagliando qualcosa vista la sospetta e relativa facilità con cui riesco ad andicchiare...

LIVELLO:
Ho trovato questo piantone facilissimo, da subito!
Sta in foiling quasi da fermo! MOSTRUOSO!
Nel giro di 5 uscite (2 nel limite bassissimo della vela, 2 invelato perfetto, 1 strainvelato), riesco a viaggiare stabilmente a piantone fuori entrambe le mura e decidere la quota (mediamente sto basso), quando salire e quando scendere. STRAFELICE : Yahooo : : sssss :
Riesco a decidere se andare di bolina, traverso o lasco.
Col sx davanti (sono regular) riesco a fare degli scodinzolini : WohoW : : Yahooo : : ahahah :
Le sessions strainvelato e sottoinvelato sono di una propedeuticità pazzesca per quando il vento è giusto : belleparole :

ATROCI DUBBI:
- In andatura, quando prendo velocità, sento pressione sul piede posteriore (e devo spingere con esso): premesso che mi sento "bene e comodo", come faccio a capire se sto imparando in una posizione tecnicamente corretta o del tutto sbagliata?
Ho provato ad avanzare il piantone, ma non mi sono trovato per niente : shake : (nemmeno la partenza)
Silversurfer si riferisce spesso a una distribuzione del carico 50-50 sui due piedi, ma forse si riferisce a un HF diverso...oppure è una regola valida per tutti gli HF? (Ricordo uno dei problemi dell'Onda con le tavole del 2018 era che non avevano le rotaie/fori fino dietro...quindi piantone troppo in avanti e HF ingestibile...)
- Quando il vento è rafficato, mi trovo bene con la mossa del "braccino" in fuori a bilanciare : Lol : : meglio levarsi subito il vizio? (certo che surficchiare in DW con 8 nodi di vento e il Kitech fly!3 15m è impagabile! E' la mia vela 2020-2021 : sssss : )
- Ho abbozzato quanche strambata mure a sx. Due volte il 180 gradi mi è riuscito a piantone alto: come devo fare DOPO per non cadere? Cosa devo fare per continuare in switch? Ho provato anche una volta con DL ma mi ha spazzato via : ahahah : : ahahah : : ahahah :

Seguiranno altre domande : aufs : : WohoW : : Love : : Love : : Love :

Grazie a chi vorrà aiutarmi : belleparole : : Love :
Hai un centraggio negativo (piantone arretrato)
Fai come dice Silver, usa la strap posteriore, o se proprio non ti va toglila e lascia libero il deck per posizionare il piede dove ti è più comodo
kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11842
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Vedi, alla fine basta "spostare il piede".
Tante parole per nulla.
: Nar :
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17317
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Pat »

piatto ricco mi ci ficco.
Credo che michele stia solo apparentemente sostenendo una tesi che contrasta con la comune esperienza. Se ricordo bene, a lui piace andare con i piedi quasi uniti, per cui ci sta che, se è posizionato troppo indietro, decida di spostare entrambi i piedi in avanti. Perchè - estremizzando - sono due, ma sembrano uno. E magari quello posteriore è sul pad (quindi sente più la pressione), e quello anteriore no.
Detto questo, ha detto tutto Masaccio: il piantone spinge in un ideale punto della tavola, se i tuoi piedi sono equidistanti da quel punto e tu sei dritto sulla tavola, col pisello sulla perpendicolare di quel benedetto punto, i tuoi piedi avranno la stessa pressione.
E' però chiaro che, per variare il tuo equilibrio sul piantone, ci sono altri metodi: se per esempio pieghi il busto verso prua, o alzi il braccio anteriore, il tuo baricentro si sposta a prua e fa si che il piantone tenda a scendere. Idem se fletti la gamba.
Devi inoltre considerare che anche la forza di sollevamento data dal piantone varia. il punto di pressione del piantone sulla tavola si sposta. Se vai più veloce, l'ala anteriore (o meglio il complesso ala/stabilo, perchè lo stabilo ha profilo negativo e tende a far cabrare il sistema) spinge maggiormente verso l'alto, col risultato che per compensare dovrai spingere maggiormente con l'anteriore ovvero spostare il tuo baricentro in avanti per compensare la spinta.
Quindi: posizione del corpo identica in situazioni diverse (più vento, più veloce ...) ti restituiranno spinte sotto i piedi differenti, e per ripristinare l'equilibrio dovrai compensare spostando i piedi, piegando il busto, ecc. ecc.
Questo è tanto più vero coi palettoni, come confermatomi dai ragazzi in spiaggia.
Per quella che è la mia limitata esperienza, lo scorso anno avevo una paletta più piccola e il differenziale di spinta indotta dalla velocità era contenuto. Quest'anno, col 679, il differenziale di spinta derivante dalla velocità lo sento di più, e montando lo stabilo grande MOOOOLTO di più.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11842
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Pat ha scritto: 28/07/2020, 11:40 Detto questo, ha detto tutto Masaccio: il piantone spinge in un ideale punto della tavola, se i tuoi piedi sono equidistanti da quel punto e tu sei dritto sulla tavola, col pisello sulla perpendicolare di quel benedetto punto, i tuoi piedi avranno la stessa pressione.
Quoto, basta attaccarsi un filo a piombo al pisello e vedere dove punta in andatura.
Si risolverebbero un sacco di problemi, e queste discussioni starebbero a zero.
Ce ne sono di varie forme, misure e colori.. a ciascuno il suo.

Immagine
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17317
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Pat »

e può anche diventare una disciplina sportiva a sè stante ...

L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
robinho
Fissato
Fissato
Messaggi: 532
Iscritto il: 28/04/2011, 15:32
Spot frequentati: KM31, Colico
Ali: Royal Era 2010 - 14 / 10 e presto EKO
Tavole: Hydro Snake 2010 (e presto RAVE)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da robinho »

Domanda a bruciapelo: dovendo prendere un piantone più corto per imparare (ho su il 100 ed è eccessivo) consigliate 40 cm o 60 cm?
Avatar utente
Bidello
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2020
Iscritto il: 08/02/2011, 15:41
Spot frequentati: Bilbo
Ali: Buitoni
Tavole: Da stiro

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Bidello »

: ahahah : : ahahah : : ahahah :
kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11842
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Direi 60cm.. ovviamente per il piantone più corto.. non per l'allungamento post-esercizio del tipo sopra.
40cm è veramente pochino.
Ho provato il 30 e l'ho smontato dopo 15 minuti.
Ero proprio agli inizi.
C'è un amico qui che sta imparando con il 60cm e a vederlo andare con i primi foiling mi pare che abbia il suo senso.
Io pure, sempre agli inizi, forse ci avevo fatto una uscita, poi subito montato il 90cm.
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it
Avatar utente
Konan
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 231
Iscritto il: 01/04/2019, 18:46
Spot frequentati: Colico/Valmadrera/Mandello/Dervio
Ali: Cabrinha Fx 12/9/7 fly soul10
Tavole: moses vorace+groove skate / North gonzales / LF element

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Konan »

robinho ha scritto: 28/07/2020, 16:53 Domanda a bruciapelo: dovendo prendere un piantone più corto per imparare (ho su il 100 ed è eccessivo) consigliate 40 cm o 60 cm?
Per me non serve a nulla. Si impara direttamente col 100. Anzi, nei primi bordi in foiling ti perdona molto di più gli errori di quota.
Avatar utente
terrasimone
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 186
Iscritto il: 09/06/2015, 15:49
Spot frequentati: lago di santa croce, grado, caorle, la caletta, mari ermi, porto pollo, fehmarn, lubmin, süßersee
Ali: Rrd emotion, liquid force solo, ozone reo, pansh Genesis
Tavole: hydro carbon, rrd placebo, slingshot coupe, LF happy foil, gong allvator M su kiteloose 105

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da terrasimone »

70 può avere senso anche un domani. meno, è un piantone che useresti qualche ora e non indispensabile. la maggior parte di noi ha imparato direttamente con la misura normale.
Posso definirmi kiter esperto perchè ho commesso tutti gli errori possibili!
Avatar utente
Gino82
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2467
Iscritto il: 10/12/2013, 22:03
Spot frequentati: Lago Maggiore e Lago di Como, Toscana, Calabria Ionica
Ali: Swell V1 6-9-12, Chrono V2 15, Chrono V1 18
Tavole: Radical Transformer 160x48, Radical5 138x42, Fatty, Nirvana Mix, GONG ProClear L

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Gino82 »

robinho ha scritto: 28/07/2020, 16:53 Domanda a bruciapelo: dovendo prendere un piantone più corto per imparare (ho su il 100 ed è eccessivo) consigliate 40 cm o 60 cm?
80cm non meno, davvero inutile corto, secondo il mio modesto parere da principiante
kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11842
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Anche io non spenderei soldi per un 60cm, ma se proprio hai deciso, visto che dici "dovendo prendere etc".. tra i due citati 40 e 60, prendi il 60cm.
Ai clienti che mi chiedono un 90 standard in accoppiata al 60 per le prime uscite dico di lasciar perdere.
Alcuni replicano che in alcuni spot con fondale basso il 60 potrebbe essere meglio, magari in ULW, niente ondine.
Ma ognuno deve seguire la propria via.
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

robinho ha scritto: 28/07/2020, 16:53 Domanda a bruciapelo: dovendo prendere un piantone più corto per imparare (ho su il 100 ed è eccessivo) consigliate 40 cm o 60 cm?


Il 100 va benissimo, sei tu che devi imparare non il piantone : Wink : .
Ultima modifica di silversurfer il 28/07/2020, 20:30, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da silversurfer »

Piantoni corti 40-60-70 sono pressochè inutili, forse risparmi 2 uscite che poi riperdi quando passi ad una misura normale.
Se proprio il 100 ti fa paura prendi un 90 ma non meno.
Avatar utente
Bidello
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2020
Iscritto il: 08/02/2011, 15:41
Spot frequentati: Bilbo
Ali: Buitoni
Tavole: Da stiro

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Bidello »

Konan ha scritto: 28/07/2020, 17:29
robinho ha scritto: 28/07/2020, 16:53 Domanda a bruciapelo: dovendo prendere un piantone più corto per imparare (ho su il 100 ed è eccessivo) consigliate 40 cm o 60 cm?
Per me non serve a nulla. Si impara direttamente col 100. Anzi, nei primi bordi in foiling ti perdona molto di più gli errori di quota.
Quoto. Ho usato un 71 per iniziare, da pippa mi e' risultato sensibilissimo e ad ogni errore venivo severamente punito : ahahah :

Chiesto qua e mi e' stato subito detto "cambia piantone".

Passato al 101, altra storia. Ora, sono sempre a livello mezza calzetta : Lol : ma e' cmq un bell'andare : Thumbup :
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17317
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Pat »

Per virate e strambate, proseguite nell'apposito argomento, dove ho spostato gli ultimi messaggi.

Più in generale, prima di postare qualcosa guardate dove è più pertinente inserire il messaggio. Altrimenti, poi, è impossibile ritrovare le cose.

E' questo che differenzia un forum (dove puoi giovarti dell'esperienza comune, perchè ritrovi cose trattate 5 o 10 anni fa) da WA o FB (dove tutto si perde nel giro di pochi giorni).
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
kiteman
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 11842
Iscritto il: 07/01/2011, 21:02
Spot frequentati: Milano, Lago di Como, St. Moritz Al Lamber, Silvaplana & Bernina, Mare italiano (ogni tanto)
Ali: Ali Flysurfer preferibilmente foil
Tavole: RLBoards TT, HF e surfino, SUP RedPaddle
Località: Milano

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da kiteman »

Ma parliamo di poppe?

Oramai mezzo mondo sa che ho il chiodo delle virate.. che noia.. quindi devo perdere velocemente acqua per tornare al punto di partenza sottovento e riprenere con boline/virate/boline/virate, etc.. che noia.

Quindi mi sono concentrato sulle poppe.

Non è forse il modo più efficace ma mi diverto: prua perfettamente sottovento (una bella poppa piena) e kite perfettamente sottovendo, LE in alto.

In pratica sfrutto tutta la fetta di finestra in powerzone, continuando a lasciare la barra quando vedo che scende troppo e a cazzarla quando vedo che posso farlo senza che vada in stallo, e ovviamente senza che arrivi a toccare l'acqua.
I tip sono un po' molli perchè in pratica scade sottovento a mo' di lenzuolo steso al vento, con poca aria (vento apparente) che lo gonfia.
Il palettone sicuramente aiuta, perchè l'andatura non è per niente veloce, anzi al limite dello stallo del padellone stesso.

Lo considero un buon esercizio di sensibilità (lato kite e hf), oltre che divertente tagliare esattamente a 90 gradi le traiettorie degli altri (con la dovuta attenzione), con il kite relativamente basso.

Altri che si divertono così con le poppe?
http://www.KiteVirus.it
Flysurfer | RLBoards | Peter Lynn | Red Paddle Co

Distributore in Italia per RLBoards: http://www.rlboards-italia.it
Avatar utente
Gino82
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2467
Iscritto il: 10/12/2013, 22:03
Spot frequentati: Lago Maggiore e Lago di Como, Toscana, Calabria Ionica
Ali: Swell V1 6-9-12, Chrono V2 15, Chrono V1 18
Tavole: Radical Transformer 160x48, Radical5 138x42, Fatty, Nirvana Mix, GONG ProClear L

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da Gino82 »

silversurfer ha scritto: 28/07/2020, 10:02 Ma che problema c'è : Eeek : hai la strap dietro usala : Thumbup : così vedi se spostando il piede più indietro risolvi, se poi non risolvi prova come dice Kiteman a mettere il piede posteriore ancora più avanti, in una delle due direzioni dovresti risolvere, con due bordi capisci.
Grazie a TUTTI : notworthyc : : notworthyc : : notworthyc :

Silver: sapendo che me lo avresti consigliato : Biggrin : : Lol : avevo già provato a farlo : Chessygrin :
Risultato: stance troppo largo e impossibile gestione del mezzo : shake :

Oggi ho restituito l'HF in prestito al suo legittimo proprietario : notworthyc : , e sono in attesa del mio GONG.

In ogni caso, ho metabolizzato i concetti e rileggerò i vostri consigli altre volte in caso non riesca a trovarmi col Gong.

A proposito di stance, ricordo che se ne era parlato da qualche parte.
I racers nei video hanno una stance larghissima (ma sono PRO)
Un medioman come me (h.186cm) occhio e croce?
Oppure non ho capito una mazza di quello che avete spiegato, ovvero la stance dipende dal tipo di HF e dal tipo di conduzione?

Grazie :cipTrick:
Avatar utente
terrasimone
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 186
Iscritto il: 09/06/2015, 15:49
Spot frequentati: lago di santa croce, grado, caorle, la caletta, mari ermi, porto pollo, fehmarn, lubmin, süßersee
Ali: Rrd emotion, liquid force solo, ozone reo, pansh Genesis
Tavole: hydro carbon, rrd placebo, slingshot coupe, LF happy foil, gong allvator M su kiteloose 105

Re: Hydrofoil - Nozioni di base e non solo per iniziare

Messaggio da terrasimone »

kiteman ha scritto: 29/07/2020, 16:10 Ma parliamo di poppe?

Oramai mezzo mondo sa che ho il chiodo delle virate.. che noia.. quindi devo perdere velocemente acqua per tornare al punto di partenza sottovento e riprenere con boline/virate/boline/virate, etc.. che noia.

Quindi mi sono concentrato sulle poppe.

Non è forse il modo più efficace ma mi diverto: prua perfettamente sottovento (una bella poppa piena) e kite perfettamente sottovendo, LE in alto.

In pratica sfrutto tutta la fetta di finestra in powerzone, continuando a lasciare la barra quando vedo che scende troppo e a cazzarla quando vedo che posso farlo senza che vada in stallo, e ovviamente senza che arrivi a toccare l'acqua.
I tip sono un po' molli perchè in pratica scade sottovento a mo' di lenzuolo steso al vento, con poca aria (vento apparente) che lo gonfia.
Il palettone sicuramente aiuta, perchè l'andatura non è per niente veloce, anzi al limite dello stallo del padellone stesso.

Lo considero un buon esercizio di sensibilità (lato kite e hf), oltre che divertente tagliare esattamente a 90 gradi le traiettorie degli altri (con la dovuta attenzione), con il kite relativamente basso.

Altri che si divertono così con le poppe?
io mi diverto una cifra!!! nei miei laghi non si può bolinare per sempre, quindi prima o poi vale la pena tirare dei laschi e tagliare le traiettorie a tutti!
spesso faccio come dici tu, è un bel gioco di equilibri di velocita, ci fosse mezzo metro di ondina, anche chopposa, come nei laghi più grandi sarebbe ancora più divertente.
però molte volte è anche bello kiteloppare tipo hillclimbing in snowkite, ed andare al fil di ruota, come si dice nella vela : Biggrin :

#strightline! giù dirtto! : Biggrin : : Biggrin : : Biggrin :
Posso definirmi kiter esperto perchè ho commesso tutti gli errori possibili!
Rispondi