La terza volta

un luogo dove fare due chiacchiere in amicizia
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: La terza volta

Messaggio da silversurfer »

forse perchè usi stabilizzatore picolo (330) e quindi hai poco lift, e vai piano perchè con stabilo piccolo hai poca stabilità quindi non te la senti di andare più forte.
La tendenza è di avere sempre più lift con stabilo grossi e portare il piantone indietro e/o le straps avanti, più hai lift e più lo compensi con il tuo peso e più sei stabile e puoi andare forte, è un po' il concetto di una morsa più la serri, più kg. ci metti di serraggio e più blocca, hydrofoil non è un'altalena a dondolo dove stai in equilibrio (instabile) a cavallo del fulcro.
Comunque se esci con regolarità piano piano prendi confidenza e magari riprovi uno stabilo più grosso e i buchi vedrai che sono giusti anche per te.
Di norma il problema è che mancano sempre fori davanti, mai sentito nessuno lamentarsi che gli mancano fori dietro (delle strap anteriori) ma è chiaro che se tu stai a cavallo del fulcro, più stringi il passo e migliore sarà l'equilibrio, ma non è quello il modo in cui dovrebbe funzionare l'hydrofoil.
Estremizzando il ragionamento, c'è uno che usa l'hydrofoil solo con l'ala anteriore, senza stabilizzatore, ha proprio segato la fusoliera dietro il piantone, e va anche così... ovviamente va con i piedi strettissimi perchè il suo punto di equilibrio si trova in un solo punto sopra l'ala anteriore ed è molto instabile... a lui piace così : Rolleyes :
Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8639
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: La terza volta

Messaggio da maddy »

D'accordo ma è sempre relativo all'uso
Più stabilizzi più vai veloce ma perdi in manovrabilità alle basse velocità e poi c'è tutto un discorso ergonomico e coordinativo e di interpretazione
Mi vengono in mente le birellute e tanti altri esempi contronatura
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

Mi trovo bene col 330 perche' ha piu stabilita' laterale all'imbardata (forse piu'corretto dire rollio ?), e inoltre, riducendo il lift del 679 mi permette di usare il rs 15 che, coi nostri venti deboli, e' una sicurezza antinaufragio.
Oggi bella uscita, mare mosso (rispetto alle condizioni solite)
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: La terza volta

Messaggio da silversurfer »

sul discorso alette non alette dello stabilizzatore sto lavorando anche io, non ho ancora opinioni definitive ma per ora preferisco quella piatta senza alette, sto testando S421 e S400, davanti ovviamente ho la 670 race

Immagine

Immagine

Immagine

A dispetto della minore larghezza la S400 ha lo stesso lift della 421 ma meno drag e quindi più veloce, ma il bello è che è più veloce sia come velocità di punta sia come accelerazione e sia come lift in partenza alla prima poppata per venire su, inoltre di bolina è nettamente superiore, anche un nodo e mezzo di velocità in più quasi a parità di angolo quindi VMG nettamente migliore.
L'unico "difetto" è nei laschi veloci con mare cioppato, ma anche qui resta almeno veloce quanto l'altra anzi con acqua piatta è più veloce, solo un pizzico meno stabile e quindi anche se avrebbe il potenziale non mi sono ancora fidato a fare velocità maggiori.
L'instabilità che sento è data però non da rollio ma da un accenno di sbisciolamento (non so quale sia il termine tecnico forse l'imbardata che dici tu) però davvero minimo credo sia più un mio limite mentale, di fatto non succede niente, basta tenere toste le gambe.

Quindi se è la stabilità che cerchi quello con le alette probabilmente da' qualcosa in più soprattutto di lasco, ma il prezzo da pagare in termini di prestazioni (accelerazione e velocità) è alto.

Come manovrabilità inutile dire che quello piatto è meglio, virate e strambate più fluide percorse e finite a maggiore velocità.

PS se capiti in zona Ancona ti faccio provare il 421, cosi vedi se uno stabilo con alette, ma più grande del tuo 330, può piacerti. Il mio amico Ivan lo usa con la 790 ed è stracontento, va bene anche con palettoni grossi non è uno stabilo solo da race.
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: La terza volta

Messaggio da silversurfer »

Pat ha scritto: 16/08/2020, 1:15 Mi trovo bene col 330 perche' ha piu stabilita' laterale all'imbardata (forse piu'corretto dire rollio ?), e inoltre, riducendo il lift del 679 mi permette di usare il rs 15 che, coi nostri venti deboli, e' una sicurezza antinaufragio.
Oggi bella uscita, mare mosso (rispetto alle condizioni solite)
Ma perchè vuoi ridurre il lift? capisco il discorso di prima di cercare maggiore stabilità con le alette, ma se vuoi usare la 15 basta andare avanti col peso (straps) o arretrare il pantone per compensare il lift, vai avanti quanto basta per stare bene con la 15 senza venir sputato fuori dal lift, ma il lift non è mai abbastanza (come i fori davanti : Lol : ) più ne hai e meglio stai. Con più lift (compensato dal tuo peso in avanti) guadagni in stabilità, angolo di bolina, spinta per venir su con poco vento, raggio di curva più stretto in manovra.
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

Ho iniziato a usare il 330 per la stabilita' al rollio.
Poi mi sono reso conto che con meno lift potevo evitare di stare in punta di tavola, col rischio di ingavonare ad ogni atterraggio o strambata surface.
Per dire, con l'accoppiata 679-450 devo stare sui buchi a prua, con quella 679-330 sposto le mezze due puchi piu' a poppa, ma in effetti tengo i piedi strapless fuori dalle mezze, ulteriori 5 o 6 cm indietro.
Va detto che l'accoppiata kitech rs 15 / stabilo 679-330 mi permette di raspare il fondo dell'ulw. Con uno stabilo piu' grande potrei usare un'ala piu' piccola, ma poi rischierei di trovarmi con poca potenza se il vento scende, e uscendo in un corridoio che da un lato ha il porto di ravenna e dall'altro chilometri di stabilimenti affollati, e' meglio di no.
Col 15 copro tranquillamente il range 7 (sotto lui vola, ma io faccio fatica a salire sulla tavola) - 12 (ho smaccherato il depower per averne tanto), entro il quale sta il 90% delle mie uscite estive.
Con un ala piu piccola potrei manovrare piu' agilmente. Ma io sto ancora imparando le strambate in volo, quindi al momento il problema non si pone.....
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

Oggi e ieri il vecchio Eolo ha dato il suo contributo, con un potente termico 😏 che ha garantito condizioni idro ottimali, salvo un poco di inspiegabile onda lunga che a ridosso della diga nord del puerto (corsini) quasi non si sente, ma più te ne vai a nord verso Casal Borsetti si accentua fino a che, all'altezza della foce del Logonovo, si trasformava in un'ondina che spingeva abbastanza da fatti fare qualche bella planata di poppa.
Ho fatto il dolce su e giu' dei 4 o 5 km puerto - Logonovo almeno 2 volte oggi, imparando come gestire il lasco profondo senza distruggersi il polpaccio della gamba di poppa a forza di spingere.
Ho anche iniziato a strambare "alla gunnar", vale a dire cambiando i piedi prima di lascare e poi strambando col download. Di cambio in volo ancora non si parla ma comunque e' un progresso.
I bordi chilometrici mi ricordano le belle uscite con la sector e poi la rave, quando partendo di bolina dal molo di porto Garibaldi si arrivava alla fine di lido di spina e poi giu' al lasco a capofitto per rientrare alla base.
Ho idea che con l'idro le boline strette che facevo con volenteroso sbattimento sarebbero una passeggiata, ma tant'e'.
Nb: sto provando ad andare in switch ma non trovo la quadra, o impenno il piantone o lo faccio ammirare. Oppure cado. Bah.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
Masaccio
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 3369
Iscritto il: 29/05/2013, 14:56
Spot frequentati: Lazio, Abruzzo
Ali: Peak4 5-11 - Swell 6-9 - Nova 10 - Sonic 18 - guest star: Aurora 8
Tavole: Arriba Arriba Wood, Alaia, Nirvana, Moses HP560

Re: La terza volta

Messaggio da Masaccio »

Scusa Pat, ogni tre o quattro volte che lo leggo qua e là non resisto.
Poggiare, non lascare!
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

Ieri terza uscita in 3 giorni, e oggi, se continua cosi', si fa la quarta. Esco con HF e (tanto per cambiare) la 15, ma 200 metri fuori il vento e il mare aumentano di brutto e rientro. Finisco con l'ovetto, che dato il non uso mi fa una impressione stranissima. Buffo tirare a manetta e scoprire che sei poco più veloce di quando vai a passeggio con l'idro.
Una cosa curiosa: ho scoperto che quando l'ala anteriore e' a pelo d'acqua perche' sei troppo alto, l'idro ti avverte con un gorgoglio caratteristico. Lo speedster che avevo lo scorso anno non mi avvertiva affatto, stallava con capitombolo rovinoso e basta. Chissa' a cosa c'è dovuto.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 1965
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Kitech FREE RS 12-15-9 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: La terza volta

Messaggio da Cartolina »

Credo sia tipico dei palettoni, lo fa anche il mio e lo faceva anche lo Slingshot, mentre quando metto l'ala anteriore più piccola niente effetto lavandino.
Come vanno i progressi? Con Masaccio abbiamo fatto una bellissima uscita venerdì, ho innestato definitivamente la strambata in completo foiling da in lato, l'altro ancora Poggio qualche volta, ma una bella soddisfazione, mentre ho bisogno di qualche consiglio per cambio piedi quando si è in toeside per tornare normali, crollo inesorabilmente.
...ho solo foil e hydrofoil...gli altri guardano dalla spiaggia
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: La terza volta

Messaggio da silversurfer »

Cambiare i piedi dal toe-side (dopo aver fatto la strambata) restando in foiling è molto difficile, si fa ma è difficile, la maggior parte scende un attimo giusto un rapido touch-down cambia i piedi e risale, è per questo che si preferisce cambiare i piedi prima della strambata (per quanto complicato è comunque più facile che farlo dopo) in questo modo la si fa tutta in foiling senza problemi, ovviamente dopo aver superato lo scoglio del cambio piedi prima.

Quello che può essere utile è concatenare due strambate di fila, già che sei in toe-side approfittane : Sailor :
Fai la prima strambata in front che concludi in toe-side a questo punto anzichè cambiare i piedi ne fai una nella direzione opposta girando di schiena (e conviene farla col downloop) in questo modo ti impratichisci della seconda fase della strambata col cambio priedi prima, quando poi imparerai a fare il cambio piedi prima il resto della manovra la saprai già fare e non ti metterà paura.
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 1965
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Kitech FREE RS 12-15-9 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: La terza volta

Messaggio da Cartolina »

Ciao Silver,
Sempre preziosissimo, la seconda parte già la faccio come hai descritto, dal toeside entro in strambata con il downloop, sicuramente proverò il tuo consiglio facendo un piccolo touch down le prossime volte in toeside.
Altra cosa l'entrata in toeside mi riesce solo da un lato...che rabbia.
...ho solo foil e hydrofoil...gli altri guardano dalla spiaggia
Avatar utente
Masaccio
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 3369
Iscritto il: 29/05/2013, 14:56
Spot frequentati: Lazio, Abruzzo
Ali: Peak4 5-11 - Swell 6-9 - Nova 10 - Sonic 18 - guest star: Aurora 8
Tavole: Arriba Arriba Wood, Alaia, Nirvana, Moses HP560

Re: La terza volta

Messaggio da Masaccio »

Cartolina ha scritto: 23/08/2020, 12:31 Con Masaccio abbiamo fatto una bellissima uscita venerdì, ho innestato definitivamente la strambata in completo foiling da un lato
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

silversurfer ha scritto: 23/08/2020, 15:55 Cambiare i piedi dal toe-side (dopo aver fatto la strambata) restando in foiling è molto difficile, si fa ma è difficile, la maggior parte scende un attimo giusto un rapido touch-down cambia i piedi e risale, è per questo che si preferisce cambiare i piedi prima della strambata (per quanto complicato è comunque più facile che farlo dopo) in questo modo la si fa tutta in foiling senza problemi, ovviamente dopo aver superato lo scoglio del cambio piedi prima.

Quello che può essere utile è concatenare due strambate di fila, già che sei in toe-side approfittane : Sailor :
Fai la prima strambata in front che concludi in toe-side a questo punto anzichè cambiare i piedi ne fai una nella direzione opposta girando di schiena (e conviene farla col downloop) in questo modo ti impratichisci della seconda fase della strambata col cambio priedi prima, quando poi imparerai a fare il cambio piedi prima il resto della manovra la saprai già fare e non ti metterà paura.
Allora, scendere un attimo e fare il cambio piedi prima di strambare mi viene, a quel punto poi non riesco a risalire perche' la vela e' gia' in downloop e io sto girando. Diciamo che faccio mezza stramba planando e il resto in volo.
Oggi l'obiettivo era proprio quello di cambiare i piedi e tornare su in volo per fare un pezzo di bordo in switch e il downloop dopo. Ma ci sono 15/20 nodi, un pochino d'onda e il corridoio ha richiamato un milione di kiters, con una densita' di vele pari a 10/mq e gente che salta da tutte le parti in barba a distanze e precedenze.
Sono andato, ho visto, ho girato la bici e sono tornato indietro a finire il mio libro. Troppo stress.
Domani, se tutto va bene, non ci sara' quasi nessuno e fara' vento leggero.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8639
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: La terza volta

Messaggio da maddy »

: ahahah : Non bastava il folding di ita adesso pure il download

Le puntate delle varie stories di apprendimento HF sono veramente infinite
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

Errata corrige...
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: La terza volta

Messaggio da silversurfer »

Pat ha scritto: 23/08/2020, 17:19
silversurfer ha scritto: 23/08/2020, 15:55 Cambiare i piedi dal toe-side (dopo aver fatto la strambata) restando in foiling è molto difficile, si fa ma è difficile, la maggior parte scende un attimo giusto un rapido touch-down cambia i piedi e risale, è per questo che si preferisce cambiare i piedi prima della strambata (per quanto complicato è comunque più facile che farlo dopo) in questo modo la si fa tutta in foiling senza problemi, ovviamente dopo aver superato lo scoglio del cambio piedi prima.

Quello che può essere utile è concatenare due strambate di fila, già che sei in toe-side approfittane : Sailor :
Fai la prima strambata in front che concludi in toe-side a questo punto anzichè cambiare i piedi ne fai una nella direzione opposta girando di schiena (e conviene farla col downloop) in questo modo ti impratichisci della seconda fase della strambata col cambio priedi prima, quando poi imparerai a fare il cambio piedi prima il resto della manovra la saprai già fare e non ti metterà paura.
Allora, scendere un attimo e fare il cambio piedi prima di strambare mi viene, a quel punto poi non riesco a risalire perche' la vela e' gia' in downloop e io sto girando. Diciamo che faccio mezza stramba planando e il resto in volo.
Oggi l'obiettivo era proprio quello di cambiare i piedi e tornare su in volo per fare un pezzo di bordo in switch e il downloop dopo. Ma ci sono 15/20 nodi, un pochino d'onda e il corridoio ha richiamato un milione di kiters, con una densita' di vele pari a 10/mq e gente che salta da tutte le parti in barba a distanze e precedenze.
Sono andato, ho visto, ho girato la bici e sono tornato indietro a finire il mio libro. Troppo stress.
Domani, se tutto va bene, non ci sara' quasi nessuno e fara' vento leggero.
Ha poco senso scendere per cambiare i piedi prima, il cambio piedi prima si fa per non scendere, altro di scorso è se nel provare a cambiarli prima in volo per errore scendi... ci sta è una fase. ma non è che devi scendere apposta.
Se durante il cambio piedi prima ti capita di scendere non devi cercare di risalire in switch, tiri il kiteloop e fai la stramba backside con la tavola in acqua, vedrai che finita la stramba col passaggio del kite in centro finestra a fine dowloop hai quel tiro che basta per rivenire su senza fatica e per controllare bene la cosa essendo già con i piedi in posizione "normale" (ovviamente avere le straps davanti aiuta).
L'importante è tenere un raggio di strambata bello largo, se la stringi troppo il kite tira troppo e indirezione sbagliata rispetto alla direzione tua e della tavola e ti disarciona, se invece vai dritto di poppa finito il downloop non risale perchè non hai tensione nei cavi, devi trovare il giusto raggio di curva, il difficile è solo quello e cambia in base al kite, al piantone e al vento. ovviamente meglio provare con acqua piatta.
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17318
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: La terza volta

Messaggio da Pat »

Scendo perche' in volo ancora non riesco. Una volta cambiati i piedi e innescato il downloop, dopo e' tutto facile.
Invece trovo piuttosto difficile strambare in front per ritrovarmi in switch. Non capisco dove mettere il relativo peso, tendo a spingere troppo col piede dietro, col piantone che impenna.
Oggi, se eolo fa il bravo, faccio il downloop partendo dal traverso e mi limito a seguirlo con la tavola. A quel punto dovrei trovarmi in switch e in equilibrio.
Nb: ho qualche difficolta' a partire strapless e quindi tengo montate molto avanti le mezze anteriori, che uso solo in partenza. Poi, appena partito, arretro il piede anteriore. In andatura tengo i piedi strapless e mi trovo molto più a mio agio. Tra l'altro, se vado al lasco spinto (cosa che devo fare se voglio viaggiare un poco verso nord in quanto il termico viene da scirocco), io per stare comodo e non avere pressione sul piede posteriore devo arretrare moltissimo l'anteriore. Per tenerlo nella medesima posizione del traverso dovrei partire di bolina e andando a manetta piano piano allargare, come facevo sul freelance. Insomma, strap si per correre e saltare, ma per gridare mi vienr più facile senza
Nb2: grazie enri per i consigli e la pazienza. Ti leggo con attenzione.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 1965
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Kitech FREE RS 12-15-9 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: La terza volta

Messaggio da Cartolina »

Ciao Pat,
secondo me se devi arretrare così tanto il piede anteriore hai il piantone troppo indietro. Non ricordo se la tua tavola permette una ulteriore regolazione, ma se fosse possibile, proverei ad avanzare il piantone di 1 cm alla volta, averlo più in positivo potrebbe aiutarti nell'equilibrio in volo nel cambio piede, a me ha giovato molto con il vecchio Slinghshot. ;)
...ho solo foil e hydrofoil...gli altri guardano dalla spiaggia
Avatar utente
silversurfer
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2568
Iscritto il: 10/02/2011, 9:16
Spot frequentati: Ancona
Ali: Ozone R1V2 17 e 11, Ozone Edge 10 e 7, Summit 12-8, Access 4,
Tavole: Hydrofoil Moses K106, tavola Groove Radical V3
Località: Ancona

Re: La terza volta

Messaggio da silversurfer »

Ognuno ha le su "fisse" e va bene così, ma in generale se la maggior parte del mondo usa le straps, oppure va strapless se preferisce fare trikketini, ci sarà un motivo, questo non vuol dire che non si possa andare con le mezze e che magari per alcune situazioni sia pure meglio ma se si tiene conto di tutte le possibili situazioni e manovre alla fine le straps (intere) sono la soluzione migliore e se si decide di andare strapless si impara a partire senza.
Restare a metà del guado secondo me ha poco senso.
Spero almeno che siamo d'accordo sul fatto che con le straps, a parte le prime due volte per abituarsi, non ci si rompe le caviglie, ci si abitua a sfilare i piedi in una frazione di secondo senza neanche pensarci, i piedi lo fanno da soli senza esitazioni appena ci si sente in squilibrio tendente alla caduta.
Ci sono poi i "PRO", parlo di gente come Mario che preferiscono cadere con la tavola nei piedi anche a 35 nodi di lasco, ma ci vuole tanto coraggio.

Ti dico questo perchè strambare con la tavola in acqua, che fa un po' di attrito e sente le ondine, è molto più facile con le straps, immagina se dovessi fare una strambata coi vecchi race senza le straps...

Vebbè veniamo alla centratura del piantone, con le straps lo stance giusto è largo mentre sei sul bordo, chi fa race usa 67-69 fra il foro anteriore della strap dietro ed il foro posteriore delle straps davanti, per un freerider diciamo che va bene anche 65-63 al limite 60 ma è questione di gusti personali, quando vuoi manovrare togli il piede dietro dalla strap e lo metti subito davanti alla strap in questo modo avrai uno stance più stretto di una qundicina di cm.
Se vai strapless e fai trikkettini frequenti finirai per essere sempre nella modalità manovra quindi con stance stretto.

Il piede dietro va più meno sopra il piantone con i palettoni, mentre con ali più tirate va un filino più indietro diciamo sulla perpendicolare della trailing edge del piantone, altri asssetti non ce ne sono, tutti stanno li.
Avere le straps aiuta a mettere i piedi dove "vanno" e non dove "capita", e dopo qualche bordo ad abituarsi e a sistemare la posizione del corpo "giusta" anzichè "a caso", a seconda dove hai messo il piede quella volta. A maggior ragione nelle manovre dove devi affinare i pesi, se metti i piedi dove capita non impari mai, se ne fai 100 con i piedi nelle straps sempre nello stesso punto piano piano impari.
Per stare più comodi conviene avere il peso 50% sui due piedi, per andare più veloci conviene avere 60 dietro e 40 davanti, i PRO stanno 70 dietro e 30 davanti, con la gamba dietro tesa per trasmettere ogni minima accelerazione e quella anteriore flessa per regolare l'assetto.

Immagine

Immagine

Immagine
Avatar utente
terrasimone
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 186
Iscritto il: 09/06/2015, 15:49
Spot frequentati: lago di santa croce, grado, caorle, la caletta, mari ermi, porto pollo, fehmarn, lubmin, süßersee
Ali: Rrd emotion, liquid force solo, ozone reo, pansh Genesis
Tavole: hydro carbon, rrd placebo, slingshot coupe, LF happy foil, gong allvator M su kiteloose 105

Re: La terza volta

Messaggio da terrasimone »

Cartolina ha scritto: 23/08/2020, 12:31 Credo sia tipico dei palettoni, lo fa anche il mio e lo faceva anche lo Slingshot, mentre quando metto l'ala anteriore più piccola niente effetto lavandino.
Come vanno i progressi? Con Masaccio abbiamo fatto una bellissima uscita venerdì, ho innestato definitivamente la strambata in completo foiling da in lato, l'altro ancora Poggio qualche volta, ma una bella soddisfazione, mentre ho bisogno di qualche consiglio per cambio piedi quando si è in toeside per tornare normali, crollo inesorabilmente.
Ciao Fede. Io lo faccio il cambio in foiling da toe a heel side. E il trucco che uso per farlo sempre con successo è lo stesso che da heel a toe side:

1 piantone verticale quindi andatura al lasco leggero
2 kite alto (11-1)
3 portare la tavola bassa, diciamo a 20/30 cm dall'acqua
4 pompatina facendo salire il nose
5 in simultanea accoppiamento dei piedi anteriori e
5 bis cazzare la barra per alleggerire il peso del corpo sulla tavola
6 portare il nuovo piede posteriore in posizione.

La parte difficile è solo fare in rapida successione i punti 4, 5 e 6.

Una volta imparata la soddisfazione è enorme.
Posso definirmi kiter esperto perchè ho commesso tutti gli errori possibili!
Rispondi