Prendersi cura del proprio HF

un luogo dove fare due chiacchiere in amicizia
Rispondi
Avatar utente
Gino82
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2577
Iscritto il: 10/12/2013, 22:03
Spot frequentati: Lago Maggiore e Lago di Como, Toscana, Calabria Ionica
Ali: Swell V1 6-9-12, Chrono V2 15, Chrono V1 18
Tavole: Radical Transformer 160x48, Radical5 138x42, Fatty, Nirvana Mix, GONG ProClear L

Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da Gino82 »

Il mio HF Gong inizia ad avere qualche sfriso, dovuto al contatto con i sassi su fondale basso del lago.

Sia ben chiaro, non ci ho mai inciampato...per ora... : ahahah :

Capita che in entrata o uscita il piantone tocchi sul fondo et voilà i graffietti sono garantiti...

Per un intervento puramente estetico, cosa consigliate?

Già che ci siete, avete qualche altro consiglio preventivo per la cura di piantone e ali?

Grazie :cipTrick:
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 2008
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Kitech FREE RS 12-15-9 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da Cartolina »

Piantone in alluminio:
- solo risciaquo e sgrasso ogni tanto con Chanteclair o simili, anche quello economico del discount va bene
- svitare tutte le parti viti inox/alluminio al massimo ogni 14gg altrimenti rischi la fuzione tra i due
- i graffi sull'alluminio, te li tieni, costa meno cambiare un piantone che smanettarci sopra

Per le ali:
- se in G10, lasciale così
- se carbonio, carteggia con carta vetrata 1000/1200 bagnata, da bordo entrata a bordo uscita, cercando il più possibile di mantenere equo il numero delle carteggiate per tutta la larghezza della paletta

Se vuoi avere più performance su set in carbonio, portati uno spruzzino con chanteclair diluito, spruzzi e sgrassi prima di entrare in acqua tutto il foil, evintando poi di prenderlo con le dita e lasciarci nuovamente il grasso sopra, entra in acqua portandolo per la tavola, sembra assurdo, ma io stesso non pensavo che delle semplici ditate potessero cambiare tanto.
...ho solo foil e hydrofoil...gli altri guardano dalla spiaggia
Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8756
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da maddy »

Metodo infallibile
non usarlo : Rolleyes :
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17400
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da Pat »

Gino82 ha scritto: 01/03/2021, 14:32 Il mio HF Gong inizia ad avere qualche sfriso, dovuto al contatto con i sassi su fondale basso del lago.

Sia ben chiaro, non ci ho mai inciampato...per ora... : ahahah :

Capita che in entrata o uscita il piantone tocchi sul fondo et voilà i graffietti sono garantiti...

Per un intervento puramente estetico, cosa consigliate?

Già che ci siete, avete qualche altro consiglio preventivo per la cura di piantone e ali?

Grazie :cipTrick:
io lascerei stare, se non ha graffi profondi che ne minino la solidità.

Altrimenti, resina e microsfere, in modo da raggiungere la consistenza di uno stucco, riempire, far catalizzare bene bene bene e con santa pazienza levigare con carta via via più sottile fino a lisciare del tutto.
Alcuni, al posto della resina, usano l'attack. Io credo che farei un disastro, lasciare ditate di colla è un attimo.

Manutenzione: per quanto mi riguarda, la cosa principale è quella di proteggere le viti con grasso all'atto del serraggio, e di rimetterlo periodicamente. Anche usare viti di acciaio buono è opportuno. Se vedi tracce di ruggine, probabilmente si tratta di inox "cinese" che vale poco e sono da sostituire.
Il mio HF resta perennemente montato per l'intera stagione (e intendo che il trespolo resta montato e fissato alla tavola).
Lo smonto ogni qualche settimana per verificare che sia tutto ok e dargli una mano di grasso.
Ora, grazie alle limitazioni anti-covid, il mio trespolo giace montato da mesi senza nessuno che lo utilizzi e si prenda cura di lui.
Appena posso andarlo a trovare (munito di ettolitri di WD40), vi racconterò che cosa ne resta ....
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
Enrico_over_50
Sprecavento
Sprecavento
Messaggi: 37
Iscritto il: 10/02/2021, 18:12
Spot frequentati: Sardegna nord-est / Lago maggiore
Ali: Gong Plus 4 / Gong Pulse 3-5-6 range praticamente dal peto al tornado
Tavole: Gong Hipe 6.5 / Hipe 5.3 / Fanatic Fly Air 10.4

Re: Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da Enrico_over_50 »

Inox ed alluminio a contatto prolungato sono perfetti per la corrosione galvanica, il primo si "mangia" il secondo ed il salino accelera il processo... Mi auguro che Pat non trovi danni alla ripresa!
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 2008
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Kitech FREE RS 12-15-9 / Fly4 6m
Tavole: Ketos Hydrofoil / Hydro Manta board / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da Cartolina »

Pat ha scritto:
Manutenzione: per quanto mi riguarda, la cosa principale è quella di proteggere le viti con grasso all'atto del serraggio, e di rimetterlo periodicamente.
Su questo ci sono pareri discordanti, credo ognuno abbia la sua esperienza, quella di Pat è positiva, la mia meno.
Personalmente da quando ho il carbonio, non metto nulla e non si blocca nulla, mentre quando avevo l'alluminio, provai a mettere un po' di grasso nautico e se da un lato si allunga il tempo di fusione tra alluminio ed inox, quindi la non necessità di smontare ogni volta, dall'altro, la sabbia portata dall'acqua entra sempre un pochino nelle filettature, che di conseguenza si rovinano, almeno questo è quanto capitato a me.
Pro e contro come in ogni cosa.
...ho solo foil e hydrofoil...gli altri guardano dalla spiaggia
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17400
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Prendersi cura del proprio HF

Messaggio da Pat »

il mio moses è carbonio, ma immagino che le boccole di invito delle viti siano in .. inox ? ottone ? Sicuro non alluminio.

Prima del moses avevo lo (splendido) speedster in alu. Sottoposto allo stesso trattamento, nessun problema.

Ho invece coonosciuto un ragazzo il cui piantoone SS in alu si era inchiodato, tanto che aveva dovuto ingegnarsi per tagliare via le viti.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Rispondi