Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

un luogo dove fare due chiacchiere in amicizia
azoele
Novellino
Novellino
Messaggi: 136
Iscritto il: 11/08/2020, 15:13
Spot frequentati: Latina
Ali: Flysurfer Peak
Tavole: Groove Skate

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da azoele »

Pat, ti chiedo scusa se sono sembrato passivo-aggressivo. : Sad :
Nel modo più assoluto, no.
DIvertito si (figurarsi, a scrivere scemenze! : Chessygrin : ), ma colpito da quello che avevi scritto... anche! (visto che leggendoti so che sei sempre molto equilibrato).

Penso che, al di là di un certo fondo oggettivo, ognuno abbia una sua personale scala di reattività, che dipende da tanti fattori, e che decide "come" sentiamo.
La mia è, onestamente: molto bassa. Ho discreta sensibilità, anche coordinazione (soprattutto visto che recentemente ero quasi a 110kg), ma bassa rapidità in risposta (lo vedo chiaramente anche nel tennis), quindi la combo 633/483 la sento molto, molto viva.
A riprenderla a freddo, mi ci vuole tempo per riabituarmi.

È possibilissimo che altri gestiscano input dal foil a frequenza superiore molto più facilmente di me, e quindi anche foil molto vivaci rimangano facilmente gestibili. Anche se principianti.
A me, il semplice passare da una Groove L 130 da 3.6Kg alla tavola custom che ho, che pesa oltre 1kg in meno, mise in difficoltà: un mucchio di cadute, e la sensazione di stare sulla uova perché sotto si muoveva tanto di più.

Resto convinto che imparare sia più semplice su attrezzi più docili (un po' Gong mi da "ragione" con la line X-Over, dove hanno appositamente simulato un allungamento della fusoliera allungado lo stabilo per attenuare proprio il "delfinamento"), però se io, con il mio fisico, sono riuscito a imoparare con l'Onda... ci riesce chiunque.
Per me però, per la mia fisicità, è stata proprio dura... e poi, i risultati, quelli significativi, si sono visti cambiando set-up. Cambiavo piede anche con l'Onda, ma col Gong è diventato facile, con il Moses era sempre un camminare sul filo condito da impatti e cappottamenti, per dire.
In effetti, non avevo incluso nelle mie valutazioni il fatto che altri possano essere naturalmente molto più reattivi di me, e quindi avere poche difficoltà a gestire tanti input tutti assieme dal foil.

Quindi, se scrivo che sono impressionato che lo trovi stabile, è perché è vero: solo 2 mesi fa, all'ultima uscita, per davvero sono caduto di continuo con l'Onda, sbagliando tanti cambi piede e manovre, cosa che con il Gong faccio ad occhi chiusi.
Lo sentivo vivo, leggero, "veloce" sotto i piedi, e mi richiedeva tanta concentrazione (il mare non aiutava), e anche se era un sogno il fatto che girasse sulla punta di uno spillo (incredibile), continuavo a sognare di avere sotto il fido Gong che si muove alla moviola.
Per carità, ci ho preso la mano e mi sono divertito un sacco (alla fine...). Ma è stato l'Onda ad essere venduto, non il Gong. : Rolleyes :

E ora che ci penso: io lodo questi Gong come fossero la cosa migliore dopo il pane già affettato.
Ma in fondo... sono attrezzi particolari (almeno nelle grosse taglie): scorrono poco rispetto ai Moses (la pala L è 2.4cm di spessore, appena togli il tiro del kite rallenta moltissimo), si guidano di forza, e sono lenti, paciosi, prevedibili... "sonnolenti".
Proprio quello che serve a me, così ho sempre il tempo per fare tutto.
Ma magari rider più naturalmente reattivi ci si addormentano sopra, e rider dal peso umano (70-80Kg) li trovano difficili da manovrare rispetto a configurazioni più vivaci.
Se ne provi uno, capace che ci guardi basito pensando: ma che roba usano, sta gente qui?!! : Chessygrin :

Porca miseria: ho fatto flusso di coscienza! : Chessygrin :
Però per questo mi piace un sacco qui: per quanto io arrivi con idee chiare e piacevolmente condite da rasserenante pregiudizio, finisco sempre per chiudere il browser avendo fatto almeno mezza marcia indietro. : Chessygrin : : Thumbup :
Quindi, grazie a tutti!

Pat ha scritto: 04/06/2021, 6:25 No, non equivocare. Tu col foil sei molto piu' avanti di me e io il gong non lo ho provato.
Lo scorso anno ho provato la mia 679 + 483, e il rollio mi sembrava ingestibile. Meglio con lo s450, perfetta con lo s330. Qurst'anno un amico di spiaggia mi ha fatto provare 2 bordi con la sua w633+s483, per capire se il settaggio strap era ok. Quando ho visto la s483 sono impallidito ma invece ho trovato il tutto stabilissimo.
Magari e' stata una impressione mia.
Io il palo corto lo lascerei stare. All'inizio e' difficile governare il cabra e picchia, il volo stabile con palo corto e' difficile da gestire.
Appena trovo un gong sulla spiaggia come quello di gino cerco di farci un giro. Sono veramente curioso....
Avatar utente
Ninjo
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 7379
Iscritto il: 10/01/2011, 11:04
Spot frequentati: 'Na vorta..
Ali: Foil e Pump
Tavole: Tutte mono tranne una
Località: Faenza

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Ninjo »

E dopo tutte le vostre pippe mentali ( benedette e maledette ) arriverò anch'io che traviato dal Pat : Lol : sto aspettando lo Speedster Ex Pat ex Neorunner..
Solo il tempo dirà se mi avrai fatto un altro scherzo come quando mi consigliasti lo Psycho 1 12,5 per imparare .. : aufs : : aufs : : aufs :
Nel frattempo.. sogno di salire e partire come successe con la Race .. ma adesso ho 15 anni e 15 kg in più.. ma soprattutto non faccio più kite da anni..
Sarà divertente : ahahah : : ahahah : : ahahah :
La religione è considerata vera dalla gente comune, falsa dai saggi, utile dai governanti.
L'ignorante sa molto. L'intelligente sa poco. Il saggio non sa niente. L'imbecille sa sempre tutto.
azoele
Novellino
Novellino
Messaggi: 136
Iscritto il: 11/08/2020, 15:13
Spot frequentati: Latina
Ali: Flysurfer Peak
Tavole: Groove Skate

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da azoele »

Trovi che serva più piede avanti col Surf 45?
Io l'ho sempre trovato molto "neutro", sia a bassissima velocità (dove non stalla come il Kite 40) che andando forte (si riesce a tenere giù andando discretamente forte).
Adesso mi hai fatto venire il dubbio! (che mi faccio pure passare, sto dando via tutti gli stabilizzatori meno il kite 40 : Chessygrin : )

Se mi posso permettere quelche consiglio sulle manovre che ti stanno incartando: (io scrivo... casomai mi redarguite dopo e imparo a star zitto : zip : )

strambata: io non le ho mai fatte in acqua. Non avendo praticamente usato bidirezionale o surf, non ho mai fato nulla dislocando, non ne sono proprio capace. Non ho mai provato a strambare a tavola bassa, e quando provavo a cambiare piede con tavola in acqua mi puntavo sempre avanti, o semplicemente il foil si fermava per attrito, e cambiando piede finivo col piede davanti... davanti alla tavola, dritto in acqua! : Chessygrin :
La prima strambata l'ho fatta da incosciente: c'erano 7/8 nodi, ero con un Ultra 17 di Airush, ho preso, fatto un downloop "morbido", e il foil ha girato da solo! : Eeek :
La strambata all'inizio viene strasemplificata dal downloop (se fatto non a strappo, ma dolce), perché è il kite che ti guida in tutta la manovra, e quando si è girato, tira alla rovescia e va verso l'altro bordo finestra, chiudendo la strambata per te e lasciandoti in un toeside in leggero lasco (occhio poi che così si prende velocità subito...).
È talmente naturale come movimento, appena lo fai un paio di volte, che io le ho fatte solo così per 2 anni, e infatti non riuscivo a strambare senza downloop, perché senza si richiede un lavoro di torso e gambe per girare senza venir "tirati" dalla vela, mentre "con" il kite fa proprio tutto per te. (e mi ha anche rubato 3 mesi sulle virate, perché proprio la logica di manovre dove non fosse il kite a guidare non riuscivo a digerirla).
Quando poi fai pratica, il loop lo puoi fare sulla tua testa anche quando hai tanto vento, girando coi cavi lenti (il loop serve ad avere la vela subito in tiro, perché girando stretti senza tiro si rischia di stallare). Ma all'inizio, un bel downloop molto dolce, vela che gira lenta, e ti trovi ad andare in toeside al lasco senza accorgertene : Thumbup : (a me venne con la 17 perché il vento era poco, ed essendo molto lenta, ebbi tutto il tempo di adattarmi in una curva larga ma con tiro della vela costante).
Io proverei così : Thumbup :
Nota: se fai il downloop forte, o sei davvero bravo e resti "in sella" strambando come un razzo (auguri!), oppure vieni letteralmente fiondato via dando belle botte.
Quindi: loop si, ma dolce e ti trovi "dall'altra" parte senza nemmeno aver capito come : Thumbup :

Il cambio piede: è una manovra tanto difficile quanto facile (poi). Difficile perché ci vuole "fiducia": sotto si muove tutto, il foil non fa solo beccheggio (il delfinamento), ma anche rollio, che a sensazioni sotto i piedi spaventa e ci irrigidisce.
L'ideale è impararlo con vele con molto lift (infatti io l'ho imparato coi Peak : censored : ).
Se la vela ha lift, mentre navighi, basta che ti prepari morbido, la porti su, tiri la barra, e quando ti senti sollevare cambi piede.
Facile, no? : Chessygrin :
Seriamente: vela con tanto lift, foil stabile (a me hanno cominciato ad entrare bene con la tua combo, Curve L + Surf 45), e discretamente invelato.
Un problema grosso, secondo me, è che tutto il kite si fa "venendo tirati" da qualche parte dalla vela e puntandosi a contrasto (persino il lasco col foil, si sta dritti e in equilibrio, ma sempre un minimo a contrasto).
Quando si cambia piede, avere un qualunque tiro (in fondo anche quello puramente verticale) ci scompone: già ruotare col corpo non è banale, farlo "tirati" da qualche parte significa scomporsi, uscire col corpo dal foil, e venire giù...

Quindi, la vela che da lift è ottimo, ma ideale ad esempio è non alzarla proprio allo zenith: quando si cazza la barra con vela alle 12, la vela ti alza, ma tu tendi a rimanere un filo "indietro" rispetto al foil, perché la vela arretra un minimo quando cazzi la barra, e tu vieni sbilanciato indietro, e di solito il foil si impenna e si cade.
L'ideale (per me!) è averla verso le 13, in modo che hai un minimo di tiro anche in avanti che ti aiuta a mantenere tutto il corpo sul foil.
Altra cosa essenziale è essere "senza" trazioni laterali (almeno all'inizio): hai bisogno di avere un assetto il più possibile neutro, in modo che quando ti fai sollevare un minimo dalla vela non finisci avanti/dietro/di lato. Il corpo più rimane sul foil, meno sbagli, e meno viene tirato da qualche lato, più è facile compiere la rotazione del busto e spostare le gambe.
Per quello, i cambi piede da toeside a heelside si fanno ad un discreto lasco all'inizio, in modo che hai pochissimo tiro dalla vela, e puoi stare praticamente dritto sul foil. La vela si alza, tu sei "comodo", senza stare sbandato per contrastare vela o foil, ti fai aiutare dal lift della vela e provi a girarti. (non sto avocando una andatura da surf, senza proprio nessun tiro, che non è facile: giusto quel minimo per rimanere sul foil senza sentirsi in equilibrio troppo precario).
Fare il cambio piede quando la vela è bella in tiro (non in alto, ma in potenza) e andatura al traverso o bolina serve più "mestiere", perché bisogna cambiare mantenendo l'equilibrio con meno lift e tanta trazione laterale mentre comunque si deve spingere sul foil per non farlo andare di colpo al lasco. Si fa tranquillamente, ma prima si fanno tanti cambi "senza trazione" laterale, in modo da fare la memoria muscolare: fatto in andatura il più neutra possibile lo rende approcciabile, specie con una combinazione stabile sotto i piedi. : Thumbup :
Ah!
Io navigo strapless: questo ha benefici ma anche pregiudizi. Il beneficio è che tantissimi dei primi cambi piede li si fa alla carlona, muovendo veloci i fettoni sulla tavola e cercando di ri-trovare l'equilibrio dopo. Più semplice, credo, che andare a cercare la strap anteriore e infilarci il piede. Pregiudizi perché si prendono un sacco di "vizi", e poi correggerli richiede tempo: la prima volta che ho rimontato le strap ho re-imparato a cambiare piede i primi 5 minuti : Chessygrin : ci riuscivo, ma dovevo guardare.
Non dico di togliere le strap (anche se la sensazione di libertà è stupenda, e si impara tantissimo a gestire il kite mentre si è in acqua per non perdersi il foil), però riconosco che possa essere più difficile con la strap anteriore (la posteriore non si usa proprio, che io sappia, cambiando piede o strambando: si usa per andare davvero forte di bolina o per saltare).
Buon ultimo: la famosa "pompatina"... come nel caso della sua sorella più fisica, ci starebbe sempre bene : Chessygrin : (scusate, non ho resistito!)
Una toccatina dietro con alleggerimento della punta facilita il tutto perché, se anche si sbaglia a coordinarsi, si trova sotto il foil che sta "salendo", e quindi si ha margine.
E necessaria? No... anzi, aggiunge una dimensione ulteriore ad un problema già sufficientemente complesso. Coordinare il tutto: 1) ok sono abbastanza neutro; 2) ok, adesso comincio ad alzare la vela ma senza che perdo troppa velocità; 3) ok la vela sta quasi su, ho mezzo secondo per dare una pompatina senza scompormi; 4) ok il foil sta salendo! è il momento di cazzare la barra; 5) urrà! adesso sono appeso alla barra col foil che è venuto su... mi devo solo girare : Chessygrin :
Se la vela ha lift, non serve: si resta "appesi" un minimo, il calo di peso sulla tavola fa naturalmente salire il foil, e se si è in equilibrio, si cambia piede senza intoppi.
Quando il vento è poco, la pompatina aiuta moltissimo, perché lift ce ne è poco, e rallentare la vela per farsi alzare non è sempre l'ideale... se invece non avete proprio lift (i Peak!!!!!!!), allora ci vuole anche la pompatina...

Bon.
Spero di non avervi incasinato ancora di più, o annoiato a morte... : shake :
Se ho scritto castronerie, che qualcuno più esperto di me (ci vuol poco...) mi corregga pure, così imparo pure io!
Però, in generale, sono "abbastanza" convinto di quello che ho scritto: ci sono dettagli (come il downloop del kite per la strambata, o fare il cambio piede senza tiro laterale del kite e al lasco, che a me hanno completamente trasformato l'esperienza; per la virata è stato uguale con il famoso "guardare sotto l'ascella" torcendo il busto: appena capisci quel movimento, ti trovi a girare, mentre senza averlo capito, è una caduta dietro l'altra senza un millimetro di progresso : shake : ).

Da qui i miei messaggi precedenti, che foil "facili" davvero semplificano la vita.
Il Curve L con il Surf 45 è talmente stabile, che avevo sempre tanto tempo per muovere i piedi e trovare l'assetto dopo un cambio.
Resta vero che chi è più agile magari lo fa in un fiat e non gli serve una tale stabilità : Thumbup :

Buone uscite a tutti!

Gino82 ha scritto: 04/06/2021, 6:59 Visto che mi "citate" : Chessygrin : vi dico che sono stracurioso di provare una 633 : dribbleg :

Ho iniziato con 2 straps davanti a Y mooolto larghe, mentre dietro sempre senza.
Col Gong Curve L mai avuto problemi di assetto, a maggior ragione da quando ho montato lo stab surf 45cm.
La differenza con lo stab kite 40cm è che col surf 45cm bisogna spingere molto di più in avanti.

Sono letteralmente inchiodato al cambio piedi (che non mi riesce) e alla strambata (cado sempre).
Ho provato a fare delle partenze direttamente in toe side (come col surfino) e una volta sono riuscito a fare 20m in foiling.
Non capisco dove sbaglio. Forse mi serve avere più coraggio e velocità in ingresso e fare il downloop col kite : Rolleyes :

Tornando sul topic, mi sono reso conto che un'errata posizione dei piedi può essere corretta con il peso del corpo e che la sensazione di scomodità, dopo un po', ti fa capire come spostare i piedi.
E alla fine, anche grazie all'intuito del nostro corpo, si arriva proprio a cercare il posto esatto dove mettere i piedi.
E alla fine il posteriore finisce sempre sopra al piantone...
Avatar utente
Zitrone
Saggio e Moderatore
Messaggi: 9991
Iscritto il: 10/02/2011, 14:03
Spot frequentati: Campo di Mare (RM) - Ladispoli (RM) - Marina di San Nicola (RM)
Ali: Ozone Chrono18-Edge13-Reo9/7-ImpQ2-Frenzy10-Kitech FreeRS15-EF Vertical19-Pansh BlazeII5-7,Flux4
Tavole: OnlylocalsULW - OnlylocalsHW - ZitroAlaia - Laola Mutant - surfino Arriba - ZitroFoil
Località: Ladispoli
Contatta:

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Zitrone »

Ninjo ha scritto: 04/06/2021, 8:57 Solo il tempo dirà se mi avrai fatto un altro scherzo come quando mi consigliasti lo Psycho 1 12,5 per imparare .. : aufs : : aufs : : aufs :
Quello era niente in confronto a questo : ahahah : : ahahah : : ahahah :
Ninjo ha scritto: 04/06/2021, 8:57 Nel frattempo.. sogno di salire e partire come successe con la Race .. ma adesso ho 15 anni e 15 kg in più.. ma soprattutto non faccio più kite da anni..
Lo sognavo anche io....non è così : shake :
Ninjo ha scritto: 04/06/2021, 8:57
Sarà divertente : ahahah : : ahahah : : ahahah :
Assolutamente no....le prime uscite è la cosa più deprimente che abbia mai provato, fai un culo assurdo e non ti viene niente....poi vedi uno spiraglio di luce e....è ancora peggio...inizi a farti male : Andry :
C'è da dire però che l'accentuata tendenza masochista/autolesionista che contraddistingue noi della vecchia scuola viene ampliamente appagata quindi a fine session (meglio ancora il giorno dopo) sei distrutto nel fisico e nell'animo...ma felice : ahahah : : ahahah : : ahahah : : ahahah :


neorunner ha scritto: 03/06/2021, 16:11 Il rise, che tu sappia, è compatibile con la t38?
Se sulla tavola hai le rotaie si, se hai i fori quasi sicuramente no, se non ricordo male gong e moses hanno fori diversi, di poco (tipo 16 e 16,5) ma diversi. Verifica bene questa cosa prima di eventualmente comprarlo.
neorunner ha scritto: 03/06/2021, 13:03 Qui da me spesso ci sono 8/9 nodi condizioni da hydrofoil
Solitamente io in 5 minuti sono al mio spot (anche meno)
Da quando ho iniziato le uscite più proficue dal punto di vista dell'apprendimento sono state quelle con 9-10 nodi, mare praticamente piatto e kitech freers15, in queste condizioni è tutto più semplice. Vedo che hai un soul15, uno spot a 5 minuti con queste condizioni.....io investirei quelle 5 ore di viaggio nel tuo spot invece di andare in quella scuola, un paio di uscite già le hai fatte, è solo questione di tempo e pratica e in 5 ore di pratica ne fai veramente tanta : Wink :
Non sono venditore/promoter ma mi hanno soprannominato
Ser Zitrone da Campo de Mare, prode paladino Ozone
Mi piace smanettare-modificare-autocostruire.
Vorrei fare kite più spesso :-(
Avatar utente
Motion
Saggio e Moderatore
Messaggi: 6277
Iscritto il: 08/01/2011, 14:20
Spot frequentati: Sottomarina - Lago S. Croce - Volano
Ali: PL 2016 Fury 13-10 - Swell 10-7- Religion 2011 7-5 - Flusurfer Sonic 15 - Pansh BlazeII 10-7-5
Tavole: Nobile 666 - HF Moses Vorace - Nirvana Mix - HF Gong Allvator M
Località: Veneto-PD-VE

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Motion »

Neorunner, io invece vado controcorrente.
La tavola ha le strap, bene all'inizio usale tutte e tre, non toglierei la strap dietro, per i vari motivi che ti vado ad elencare:
- La strap dietro ti da un riferimento, puoi benissimo anche all'inizio partire col piede dietro fuori davanti alla strap ma col bordo del piede appoggiato alla strap. Questo ti da un riferimento che non mettere il piede a caso che poi in andatura devi spostare.

- Avere i piedi dentro le starp, almeno per me ti da più sicurezza, a volte la tavola va anche "tirata" con il piede se non hai la strap non tiri nulla, e credimi in alcuni momenti specialmente all'inizio ti potrebbe aiutare.

- Quando cadi, e siccome cadrai : Wink : , avere il piede dentro una strap sola c'è il rischio che il piedi si incastri, a me è successo varie volte con toprsione caviglia, ginocchia e/o collo del piede che va in stiramento. averli dentro tutti e due al limite ti protegge le ginocchia; ovvio che la cosa migliore è cercare di toglierli tutti e due prima di cadere.

Altra cosa col le strap hai un maggior controllo su tavola e quindi piantone, se non ci fosse il rischio citato prima che un piedi si incastri, io le terrei strette come nella TT, ma questa è una mia fissa .

Se invece non sai in che fori posizionare le strap (e magari idem col piantone) non perdere tempo a far tante prove fallo provare a uno bravo e te le posiziona lui all'inizio dove potrebbe essere il punto migliore, poi col tempo puoi fare te le tue regolazioni, magari spostando un foro alla volta.

Come diceva Gino sopra è anche molto il corpo e spalle che aiuta nel trovare gli equilibri giusti o dare legegrmente più peso avanti una volta che prendo un pò di velocità.

All'inizio può essere un pò dura, cerca di uscire con le condizioni adatta mare calmo e vento costante sui 10-13 nodi : Wink : , quello aiuta non poco
Avatar utente
Gino82
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2676
Iscritto il: 10/12/2013, 22:03
Spot frequentati: Lago Maggiore e Lago di Como, Toscana, Calabria Ionica
Ali: Swell V1 6-9-12, Soul 10-15, Chrono V2 15, Chrono V1 18
Tavole: Radical Transformer 160x48 & 138x44, Fatty, Nirvana Mix, AA DD, GONG ProClear L

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Gino82 »

Grazie per i consigli : notworthyc :

Domattina se fa vento provo lo stab Veloce 47cm...

E forse monto pure la strap posteriore...mi manca troppo la TT... :cipTrick:
Avatar utente
Zitrone
Saggio e Moderatore
Messaggi: 9991
Iscritto il: 10/02/2011, 14:03
Spot frequentati: Campo di Mare (RM) - Ladispoli (RM) - Marina di San Nicola (RM)
Ali: Ozone Chrono18-Edge13-Reo9/7-ImpQ2-Frenzy10-Kitech FreeRS15-EF Vertical19-Pansh BlazeII5-7,Flux4
Tavole: OnlylocalsULW - OnlylocalsHW - ZitroAlaia - Laola Mutant - surfino Arriba - ZitroFoil
Località: Ladispoli
Contatta:

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Zitrone »

azoele ha scritto: 03/06/2021, 13:27 Visto che un Rise (sempre per dire), lo trovi magari a 200€ o meno usato
Se me lo trovi a meno di 200 me lo prendo : ahahah : l'ho cercato per un anno e li ho trovati solo quasi al prezzo del nuovo...ormai introvabile anche il nuovo



Tornando al discorso iniziale....il discorso di Motion mi ha fatto pensare.... io ho fatto quello che ho scritto perchè sono anni che vado strapless quindi mi è venuto naturale e l'obiettivo è andare strapless anche sull'hydro, per uno che invece va con le straps metterle entrambi non è per niente sbagliato.
Come dice Motion "fallo provare a uno bravo e te le posiziona lui all'inizio dove potrebbe essere il punto migliore, poi col tempo puoi fare te le tue regolazioni, magari spostando un foro alla volta."
Non sono venditore/promoter ma mi hanno soprannominato
Ser Zitrone da Campo de Mare, prode paladino Ozone
Mi piace smanettare-modificare-autocostruire.
Vorrei fare kite più spesso :-(
neorunner
Novellino
Novellino
Messaggi: 76
Iscritto il: 15/10/2019, 10:11
Spot frequentati: Spiaggia
Ali: Turbine 17 - Soul 15/10 - SST 12/10/8/6 - Rally 9 - Reach 12
Tavole: 160x48 RL Boards-139x43,5/137x41 Bliss ltd-Nugget 5,3-Race NW-HF Sabfoil T38 679/633-330-Gong Rise M

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da neorunner »

Come prima cosa grazie a tutti per il contributo : notworthyc : : notworthyc :

@Motion
NON ho la step posteriore
Ho solo le due anteriori

Il dolphin della scuola che sto usando invece ne ha tre

@zitrone

Si ho il soul 15 ma ancora nn me la sento si usarlo con l'hydrofoil
Spesso sbilanciandomi mi cade l'ala in acqua
Il soul per quanto facile da rialzare nn è paragonabile al pump

Almeno nn ho ancora quella confidenza nel farlo ripartire in acqua che ho con i pump

@tutti

Venerdì sono tornato a fare altre due lezioni (da quarantacinque minuti)

Ora riesco, uscendo, ad andare in dislocamento con la tavola della scuola

Mentre nel rientro (mio lato peggiore) nn c'è verso.
Anche perché nelle ipotetiche 3 ore (nella realtà saranno state due reali)
Avrò decidcato 1 ora e 50 minuti ad andare e meno di 10 minuti a tornare, Ergo ho tutti i problemi di bilanciamento ecc che avevo fino all'altro giorno.

Un flebilissimissima luce si vede.

Nella mia testa vorrei fare altre 2/4 lezioni (poi naturalmente aggiusterò il tiro man mano) però dalla prossima uscita vorrei tornare ad usare il mio moses

Purtroppo qui nn ho nessuno bravo da far provare la mia attrezzatura che possa darmi qualche dritta.

Quindi dovrei cmq andare a spararmi 5 ore per avere dei consigli da qualcuno che abbia l'esperienza tale da poter commentare e suggerire con cognizione di causa.
Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8920
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da maddy »

Io avevo lo stesso problema.
Dopo aver rischiato due caviglie ho seguito consiglio di long e ho montato le mezze strap da kine e anche un piantone da 50

Eliminato quasi tutti i problemi di sicurezza e molto più gradevole su acque poco mosse

Hai i riferimenti e il sostegno della strap ma senza i contro

Ai puristi non piace ma fin che per caso dovessi migliorare al punto di sentirmi limitato non cambio niente

Ci sono dei post sulla questione
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd
neorunner
Novellino
Novellino
Messaggi: 76
Iscritto il: 15/10/2019, 10:11
Spot frequentati: Spiaggia
Ali: Turbine 17 - Soul 15/10 - SST 12/10/8/6 - Rally 9 - Reach 12
Tavole: 160x48 RL Boards-139x43,5/137x41 Bliss ltd-Nugget 5,3-Race NW-HF Sabfoil T38 679/633-330-Gong Rise M

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da neorunner »

maddy ha scritto: 06/06/2021, 10:45 Io avevo lo stesso problema.
Dopo aver rischiato due caviglie ho seguito consiglio di long e ho montato le mezze strap da kine e anche un piantone da 50

Eliminato quasi tutti i problemi di sicurezza e molto più gradevole su acque poco mosse

Hai i riferimenti e il sostegno della strap ma senza i contro

Ai puristi non piace ma fin che per caso dovessi migliorare al punto di sentirmi limitato non cambio niente

Ci sono dei post sulla questione
Le mezze strep le ho prese tempo fa (della slingshot, se nn ricordo male)
Tu monti tre mezze strep?
Solo le due anteriori?
Dietro monti qualcosa??
Avatar utente
Zitrone
Saggio e Moderatore
Messaggi: 9991
Iscritto il: 10/02/2011, 14:03
Spot frequentati: Campo di Mare (RM) - Ladispoli (RM) - Marina di San Nicola (RM)
Ali: Ozone Chrono18-Edge13-Reo9/7-ImpQ2-Frenzy10-Kitech FreeRS15-EF Vertical19-Pansh BlazeII5-7,Flux4
Tavole: OnlylocalsULW - OnlylocalsHW - ZitroAlaia - Laola Mutant - surfino Arriba - ZitroFoil
Località: Ladispoli
Contatta:

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Zitrone »

neorunner ha scritto: 06/06/2021, 1:09Il soul per quanto facile da rialzare nn è paragonabile al pump
Con questa frase hai rischiato la crocifissione in sala mensa : ahahah : : ahahah : : ahahah :
Per fortuna ti sei ripreso al volo
neorunner ha scritto: 06/06/2021, 1:09Almeno nn ho ancora quella confidenza nel farlo ripartire in acqua che ho con i pump

A parte gli scherzi, nonostante sia convinto che col soul andresti meglio, usa tranquillamente quello con cui ti senti più a tuo agio, avere ulteriori preoccupazioni sicuro non aiuta : Wink : Anche io per le prime uscite ho aspettato le condizioni che volevo con il kite che volevo.
Non sono venditore/promoter ma mi hanno soprannominato
Ser Zitrone da Campo de Mare, prode paladino Ozone
Mi piace smanettare-modificare-autocostruire.
Vorrei fare kite più spesso :-(
neorunner
Novellino
Novellino
Messaggi: 76
Iscritto il: 15/10/2019, 10:11
Spot frequentati: Spiaggia
Ali: Turbine 17 - Soul 15/10 - SST 12/10/8/6 - Rally 9 - Reach 12
Tavole: 160x48 RL Boards-139x43,5/137x41 Bliss ltd-Nugget 5,3-Race NW-HF Sabfoil T38 679/633-330-Gong Rise M

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da neorunner »

Sono assolutamente convinto anch'io che per la partenza, e non solo, il soul mi aiuterebbe tantissimo

Ma è altrettanto vero che come cado ora, cadrei, inevitabilmente, anche con il soul

In questo periodo l'ala mi cade spesso in acqua.

Magari, con il soul, cadrebbe qualche volta meno, ma cadrebbe, con il soul ho poche uscite (credo tre o quattro).

Sto imparando ad apprezzarlo tantissimo, ma l'esperienza che ho con i pump è decisamente superiore.
Quando cadrò meno inizierò ad utilizzarlo sempre.
Avatar utente
maddy
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8920
Iscritto il: 11/02/2011, 16:53
Spot frequentati: -
Ali: state attenti a quello che fate vecchi stronzoloidi!!
Tavole: funky

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da maddy »

neorunner ha scritto: 06/06/2021, 16:01
maddy ha scritto: 06/06/2021, 10:45 Io avevo lo stesso problema.
Dopo aver rischiato due caviglie ho seguito consiglio di long e ho montato le mezze strap da kine e anche un piantone da 50

Eliminato quasi tutti i problemi di sicurezza e molto più gradevole su acque poco mosse

Hai i riferimenti e il sostegno della strap ma senza i contro

Ai puristi non piace ma fin che per caso dovessi migliorare al punto di sentirmi limitato non cambio niente

Ci sono dei post sulla questione
Le mezze strep le ho prese tempo fa (della slingshot, se nn ricordo male)
Tu monti tre mezze strep?
Solo le due anteriori?
Dietro monti qualcosa??
Una davanti dritta e una dietro

Unico problema
se in rilancio ci si infilano le linee

Ma a me non è ancora successo
"l'uomo primitivo non rideva mai, si offendeva e basta"
Maurizio Milani
http://www.funkysnowboards.com/

http://chng.it/5nJ6GQ8Rnd
neorunner
Novellino
Novellino
Messaggi: 76
Iscritto il: 15/10/2019, 10:11
Spot frequentati: Spiaggia
Ali: Turbine 17 - Soul 15/10 - SST 12/10/8/6 - Rally 9 - Reach 12
Tavole: 160x48 RL Boards-139x43,5/137x41 Bliss ltd-Nugget 5,3-Race NW-HF Sabfoil T38 679/633-330-Gong Rise M

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da neorunner »

Grazie sei gentilissimo

Le mezze strep mi hanno sempre attirato

L'altro giorno, nelle varie prove di partenze nel lato debole mi stavo per far male di nuovo al ginocchio dove mi sono rotto il collaterale mediale, in una partenza sono caduto e la tavola è rimasta incastrata al caviglia ed il ginocchio piegandosi non ha fatto un movimento naturale.
Fortunatamente tutto è successo nn a velocità esagerate quindi nessun danno se nn un leggero fastidio ed indolenzimento.
Ma nulla di che, anche perché dopo il dolore il rischio di operarmi ed i mesi di riabilitazione, voglia di ricominciare il calvario nn ne ho, e se c'è qualche attrezzatura che consenta di ridurre i rischi ovviamente ne sono felicissimo
Avatar utente
Pat
Fondatore
Messaggi: 17487
Iscritto il: 09/11/2010, 14:22
Spot frequentati: Porto Corrsini
Ali: Kitech & PL
Tavole: mono
Località: Castenaso City (Bo)

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Pat »

Le mezze le monti come le straps. Due davanti e se proprio vuoi, una indietro. Ma io non la monto.
Le caviglie e le ginocchia te ne saranno grate.
L'essenza del kite è: "state gobbi" (e trovate lo stance giusto).
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 2061
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Flysurfer Sonic3 15/11 - Sonic2 9 / Kitech 12UL+9 (in vendita)
Tavole: Moses K106 race + Groove V3 / Ketos 1200V2 + Hydro Manta (in vendita) / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Cartolina »

Ho cercato di leggere tutti i papiri di roba scritti, alcuni lo ammetto non ce la faccio, dopo 3 righe vado avanti.
Dico la mia, forse contro corrente ad alcuni, in linea con altri, però frutto dell'esperienza di 3 anni pieni, da zero all'approccio odierno al race, su cui ho ancora molto da fare, pieno di consigli utili che mi ha dato Silver, i migliori, che hanno permesso di progredire velocemente.

Stabilità.
Passando a hydrofoil più spinti, non per forza race, la stabilità blasonata da un po' tutte le marche su front wing dagli 800cm2 in su è un'utopia, mi spiego.
Non è che non siano stabili, ma questo concetto è proporzionale a ciò che si vuole fare.
La stabilità in andatura se stiamo dritti in piedi sulla tavola a 20/25 km/h con aquilone alto massimo tra zenith e metà finestra, ce l'ha qualsiasi hydro, risparmierei soldi e prenderei il più economico.
Per fare una bella passeggiata, un po' di bolina e le manovre in santa pace basta e avanza.

Se invece pretendo di avere prestazioni con una front wing grande allora è tutto instabile.
Per correre e bolinare tanto, l'aquilone deve stare a pelo d'acqua e vanno accorciati i cavi, appena spingi sei costretto a contrastare inclinando corpo e angolo di bolina, e qui, esce fuori il limite dei palettoni, per quanto vuoi/puoi inclinarti c'è un limite, altrimenti la front esce e cadi, sei costretto a spingere in una posizione che ti stanca dopo 30 metri, a meno che non sei Calbucci & CO con un quadricipite da Hulk.
Se parliamo di stabilità in manovra, quella ve la dà un po' più di velocità, è l'errore che faccio anch'io quando uso il palettone da 1200...rallento e casco come un però, se la rifaccio con più brio entra...
Un palettone serve ad alzarsi prima, non con meno vento...se spiattelli sull'acqua con 7 nodi di vento, esci subito, con un race o semi/race riuscirai a farlo ugualmente 3 secondi dopo aver preso un po' più di velocità.
Questo far uscire 7000 stabilizzatori a mio parere (che poi resto sempre la gran sega che sono) è solo puro commercio, e non parlo solo di Gong, anche Sabfoil ormai ha questa politica. Confondono le idee e noi ci caschiamo, non ci viene una manovra, un'uscita negativa e pensiamo che cambiare da 35 a 40 sia la svolta...esperienza fatta sulla mia pelle.

Strap.
Io consiglio quelle a V anteriori, la posteriore a tuo gusto, in fase di apprendimento è solo un punto di riferimento per il piede posteriore che dovresti avere posizionato in corrispondenza del piantone.
Le mezze non le consiglio a meno che il tuo obiettivo non sia lo strapless, in questo aiutano ad avere già quella sensazione, per il resto basta tenerle larghe il piede viene via tranquillamente anche in caduta

Stance.
Dipende dall'altezza, io sono un tappo ho cominciato con 55, ora sono sui 60.
Monta il piantone poi misuri dalla parte anteriore dell'attacco a quello che sarà il foro posteriore delle strap a V, o della singola strap se ne monti una sola.
Qui vale la stessa regola delle tavolette, più stai largo più hai performance e controllo, se l'obiettivo sono onde, passeggiate o strapless vai tranquillamente stretto.

Buoni progressi
ho solo foil e hydrofoil

Vendo:
Hydrofoil - viewtopic.php?f=22&t=21939
Kites - viewtopic.php?f=12&t=21960
Adattatore - viewtopic.php?f=22&t=21943
Avatar utente
Gino82
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2676
Iscritto il: 10/12/2013, 22:03
Spot frequentati: Lago Maggiore e Lago di Como, Toscana, Calabria Ionica
Ali: Swell V1 6-9-12, Soul 10-15, Chrono V2 15, Chrono V1 18
Tavole: Radical Transformer 160x48 & 138x44, Fatty, Nirvana Mix, AA DD, GONG ProClear L

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Gino82 »

: sleep : : sleep : : sleep :
: ahahah : : ahahah : : ahahah :

Ciao Fede! Che ridere il tuo commento acidulo : WohoW : : ahahah :
Senti un po', il fatto di allargare la stance, nel tuo caso, da cosa è dipeso?

Grazie : Thumbup :
Avatar utente
Lumumba
Fancazzista
Fancazzista
Messaggi: 8580
Iscritto il: 06/06/2011, 23:12
Spot frequentati: Piada coast | Petrus | Ragnolo | Senigay
Ali: Powered by:FOIL: 117 mq, PUMP 69 mq
Tavole: KobraRaceII|Radical4M|Birelluta Evo|Jungle Pro|Moses Verace
Località: Rimini/Malpensa

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Lumumba »

Gino82 ha scritto: 07/06/2021, 14:22 : sleep : : sleep : : sleep :
: ahahah : : ahahah : : ahahah :

Ciao Fede! Che ridere il tuo commento acidulo : WohoW : : ahahah :
Senti un po', il fatto di allargare la stance, nel tuo caso, da cosa è dipeso?

Grazie : Thumbup :
Ciao gino. Piu vai forte e piu serve stance. il 99% dei kiter gira sotto i 35/40km/h e tutte queste pippe sono inutili.
"no es cuestión de tecnica....es cuestión de cojones"
Il BACKSTALL logora chi non cè l'ha.
Membro club "Bella Romagna Ueiv" & Birelluta lovers.
Avatar utente
Cartolina
Saggio
Messaggi: 2061
Iscritto il: 07/04/2011, 9:53
Spot frequentati: Litorale laziale
Ali: Flysurfer Sonic3 15/11 - Sonic2 9 / Kitech 12UL+9 (in vendita)
Tavole: Moses K106 race + Groove V3 / Ketos 1200V2 + Hydro Manta (in vendita) / Flyboards Radical 5
Località: Roma @Cinquina
Contatta:

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Cartolina »

Gino82 ha scritto: 07/06/2021, 14:22 : sleep : : sleep : : sleep :
: ahahah : : ahahah : : ahahah :

Ciao Fede! Che ridere il tuo commento acidulo : WohoW : : ahahah :
Senti un po', il fatto di allargare la stance, nel tuo caso, da cosa è dipeso?

Grazie : Thumbup :
Ciao Gino,
nessuna acidità, se è passato questo mi scuso, a me piace la sostanza quando si discute di tecnica e consigli, il contorno è bello nella goliardia, ma giustamente ognuno contribuisce a suo modo, io leggo velocemente e cerco di trarne il succo.
Detto questo, nel mio caso è dipeso dal fatto che migliorando con il palettone ho iniziato a spingere di più in termini di velocità, e quando aumenti se hai lo stance stretto balla tutto, se allarghi hai più controllo.
Ora che ho acquistato un hydrofoil race lo stance largo è d'obbligo, poi come dice Lumumba, le medie sono quelle, anzi secondo me la maggior parte gira sotto i 30 km/h, ma l'importante è divertirsi ognuno a suo modo.
Personalmente non cerco i 70 km/h, ma un po' più di brio quando ne ho voglia durante l'uscita, inoltre gli angoli che si fanno con hydrofoil "seri" sono imbarazzanti rispetto alla fascia medio bassa, ma ripeto, l'importante è divertirsi ognuno a suo modo.
ho solo foil e hydrofoil

Vendo:
Hydrofoil - viewtopic.php?f=22&t=21939
Kites - viewtopic.php?f=12&t=21960
Adattatore - viewtopic.php?f=22&t=21943
Avatar utente
Gino82
Fofollo
Fofollo
Messaggi: 2676
Iscritto il: 10/12/2013, 22:03
Spot frequentati: Lago Maggiore e Lago di Como, Toscana, Calabria Ionica
Ali: Swell V1 6-9-12, Soul 10-15, Chrono V2 15, Chrono V1 18
Tavole: Radical Transformer 160x48 & 138x44, Fatty, Nirvana Mix, AA DD, GONG ProClear L

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da Gino82 »

Grazie delle risposte!

@Fede: tranquillo! Mi hai fatto ridere di brutto : Chessygrin : e non ero polemico : Thumbup :

@Lumu: bentornato : sssss :
Avatar utente
grandeand
Fissato
Fissato
Messaggi: 956
Iscritto il: 12/01/2014, 15:23
Spot frequentati: fiumaretta, calambrone, marsala
Ali: flysurfer sonic fr 18, best kahoona 11.5, rrd religion 9, best cabo7, peter lynn sweel5
Tavole: Hydrofoil moses vorace 101 fr, fatty 5.3, north wam 6", flyradical 5 l radical trasformer 160#48,
Località: La Spezia

Re: Hydrofoil e posizionamento corretto dei piedi....il principiante che è in me chiede aiuto

Messaggio da grandeand »

Pat ha scritto: 04/06/2021, 6:25 Lo scorso anno ho provato la mia 679 + 483, e il rollio mi sembrava ingestibile. Meglio con lo s450, perfetta con lo s330.
Buon giorno Pat.
Nella speranza di tirare fuori qualche km/h in più dal mio 683-483 ho preso il 330.
Tenendo la stessa configurazione strap-piantone, con il 330 era ingestibile.
Avevo zero peso sulla gamba davanti e tentava sempre al delfinamento.
Sicuramente dovrò avanzare il piantone verso la strap di prua, ma cmq il primo impatto non è stato gradevole.
Pat, quali sono le tue misure?
Rispondi